Illuminare casa

Un tocco di design

La luce artificiale in uno spazio interno è fondamentale sia per un aspetto estetico, ma soprattutto per quello funzionale. Tante e differenti le soluzioni per illuminare casa: possiamo scegliere, infatti, lampade in stile moderno o minimale, lampadari, lampade da terra, che siano classiche o rustiche, o anche etniche per ambienti in stile new age.

È fondamentale giocare a comporre con materiali, forme e colori per creare soluzioni illuminotecniche che siano in grado di soddisfare ogni gusto e necessità e integrarsi al meglio con le diverse soluzioni abitative.

È fondamentale quindi, a inizio opera, compiere qualche riflessione su come pianificare al meglio la sistemazione degli apparecchi, la loro disposizione spaziale e la tipologia che andremo a preferire, la quantità, la potenza che dovranno avere, e lo stile che le caratterizzerà.

In foto: Axo Light, Mind-led

Axo Light, Mind-led

Autentici sfere magiche CABLE & COTTON® realizzati in fibra di cotone multicolor - Ghirlanda di 20 sfere luminose per illuminare la vostra casa

Prezzo: in offerta su Amazon a: 21,99€


La luce colorata secondo la temperatura

temperatura di colore Una delle possibilità per illuminare casa è la scelta d’impiego di lampade scelte secondo la temperatura di colore.

La temperatura di colore è quella che stabilisce la tonalità cromatica che la luce della lampadina dovrà avere.

L’unità di misura è definita in Kelvin e si può leggere sulle scatole delle lampade che andiamo ad acquistare: ci servirà conoscerla perché secondo la scelta che faremo, avremo una luce più gialla, oppure verso il bianco – blu.

La temperatura di colore che ha una lampadina classica è sui 2800 K mentre una lampada alogena, la cui luce assume toni di bianco azzurro, sale oltre i 3400 K.

Possiamo generalmente asserire che per una scelta corretta è necessario sapere che la luce è di colore bianco caldo se la temperatura di colore è minore di 3300 K, bianco neutro invece se la temperatura di colore è tra i 3 300 e i 5 300 K, mentre bianco freddo se la temperatura di colore è superiore ai 5 300 K quest’ultima sconsigliata negli ambienti domestici poiché fastidiosa alla vista.

In foto: schema illuminotecnico della temperatura di colore

  • temperatura di colore Cosa significa luce calda e luce fredda, lo sapete?La luce è classificata con un range di misurazione che si misura in kelvin, e che va dalla temperatura più bassa, 1800 k, a quella più alta, 16000 ...
  • chasenS2 flos La luce riveste nelle nostre case un ruolo sempre più importante, dato dalla sua “confezione” ovvero dall’apparecchio illuminante, che la rende unica e particolarissima, secondo lo stile e le esigenze...
  • lampada farfalla luxart Le camerette dei bambini come ogni spazio che si rispetti della casa, deve essere correttamente illuminato, senza nulla lasciare al caso.È importante che la luce sia adatta allo spazio, se a sospens...
  • lampadina Dopo l’estate, per le lampadine, cambia l’etichetta: questo è quello che è stato stabilito dall’Unione europea dal primo settembre, sulla confezione delle lampadine immesse in commercio da questa data...

Autentici sfere magiche CABLE & COTTON® realizzati in fibra di cotone in colore avorio - Ghirlanda di 20 sfere luminose per illuminare la vostra casa

Prezzo: in offerta su Amazon a: 21,99€


Illuminare casa: La luce degli ambienti nello specifico

Rotaliana, Capri Illuminare casa nello specifico di ogni singolo ambiente, significa capire quali siano i punti luce necessari e dove disporli nello spazio, considerandone la potenza.

Ogni stanza, infatti, ha bisogno di una specifica illuminazione, poiché vi si svolgono azioni differenti e ognuna di esse ha diverse esigenze.

• Sala da pranzo: è molto importante che la luce della sala da pranzo sia posta centrale sopra il tavolo, per un effetto ottico percettivo e perché in questo modo si conferma la centralità della luce in quest’ambiente;

• Soggiorno: è possibile disporre differenti punti luce adeguati alle attività che vi si svolgono al suo interno. Si può scegliere tra punti luce a sospensione, a parete o lampade da terra;

• Luoghi di lavoro: sono la cucina e gli spazi come studi e tavoli da disegno, necessitino di luci dirette e puntuali che eliminino le ombre il più possibile, rendendo la zona ben visibile e chiara;

• Bagni: i bagni necessitano di sufficiente luce anche diffusa, e di una luce particolarmente puntuale al di sopra di un eventuale specchio, per un’osservazione più accurata.

A questo punto è necessario sceglier e se utilizzare luce diretta o indiretta, con lo scopo sempre di valorizzare gli spazi o un elemento di arredo: per questo è adatta la luce diretta, che ne enfatizza le peculiarità formali, mentre la luce indiretta, serve a creare atmosfere più accoglienti e illuminare la stanza nella sua globalità.

In foto: Rotaliana, Capri, lampada a sospensione con campana in alluminio. Attraverso le forature la luce diretta si diffonde nell'ambiente.