Come pulire il caminetto

Consigli per la pulizia

Avere un caminetto significa anche pulirlo e mantenerlo utilizzabile tramite l’eliminazione della cenere che si produce dalla combustione ma non solo: è importante, infatti, anche pulire il vetro frontale, affinchè il fuoco possa essere visionato e controllato.

Pulire il caminetto è un’operazione che senza dubbio consta di tempo e fatica da parte di chi deve compiere l’operazione, ma ci restituirà un bel camino da poter utilizzare durante tutto il periodo freddo e questo calore ci ripagherà delle fatiche che faremo per ripulirlo.

La prima cosa da fare e la più importante da sapere su come pulire il caminetto è che deve essere asportata tutta la cenere di combustione della legna, con palettina e scopino, senza fare volare troppe particelle.

Una volta terminata quest’azione, potremo passare alla pulizia del vetro, particolarmente più onerosa come fatica fisica e come tempo.

In foto: rivestimento per caminetti Piazzetta

Home mall- Portacenere auto più spessa portacenere doppia fiamma auto doppio strato con luci LED portacenere accessori auto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,02€


La pulizia del vetro

Scopriamo come pulire il caminetto nel caso in cui il vetro sia molto sporco.

È fondamentale sapere che la parte frontale del camino oltre ad essere molto gradevole se pulita perché ci permette di visionare l’interno, ci permette di controllare lo stato della fiamma, in modo che non sia troppo forte o troppo debole, spegnendosi.

Lavare e pulire il vetro del camino comporta un tempo piuttosto lungo poiché la cenere e i fumi di combustione si fermano sulla superficie interna del vetro, causandone lo scurimento e l’intaccamento.

Per ottenere un vetro pulito e trasparente è necessario effettuare una pulizia quotidiana affinchè lo sporco non si accumuli troppo. Per effettuale la pulizia è semplice: basterà prendere dei fogli di giornale e inumidirli con la cenere e passarli sulla superficie per rimuovere tutto lo sporco.

Se invece la possibilità di pulire tutti i giorni non c’è, è possibile eseguire la pulizia a camino spento ogni 3-4 giorni. In questo modo sicuramente si faticherà di più per eliminare lo sporco e si dovrà agire in due modi: in primo luogo la cenere porterà via lo sporco grosso, e poi applicheremo uno spray apposito per sciogliere il nero di affumicatura fermo da giorni. Sciacquando con acqua e asciugando il vetro riscopriremo la trasparenza e la bellezza di un fuoco scoppiettante.

In foto: rivestimento per caminetti Piazzetta

  • Ico di Elica Molto spesso ci si dimentica che esista ma è uno degli elettrodomestici che in cucina si usano di più: se non ci fosse, il nostro ambiente sarebbe saturo di odori di cibo e di vapore, mentre ci aiuta ...
  • pulizia Durante la pulizia della casa, esistono spazi che necessitano maggiormente di attenzioni poiché più vissuti, oppure perché più propensi alla proliferazione dei batteri: ad esempio i bagni, soprattutto...
  • vetri pulizie Arrivano i primi caldi e abbiamo finalmente la possibilità di aprire e spalancare tutto, senza il terrore che entri il gelo invernale, e fare una bella pulizia radicale, una pulizia di primavera.Da ...
  • tavolo in marmo alivar In casa abbiamo scelto di impiegare superfici lucide in marmo per i nostri piani di lavoro e per i marmi delle finestre. Come pulire il marmo delle nostre superfici interne? Niente paura, la soluzione...

Mobili Rebecca® Cornice Decorativa Decorazione Caminetto Legno Grigio Design Shabby Sala Home Decor (Cod. RE4864)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 84,9€


Come pulire il caminetto: Consigli utili per prevenire

Dopo avere visto come pulire il caminetto passiamo ad alcuni consigli utili per evitare che si sporchi eccessivamente. Prevenire con alcuni accorgimenti farà durare più a lungo il vetro pulito e potremo così evitare eccessive e frequenti pulizie.

La legna in primo luogo deve essere ben asciutta e secca e non essere resinosa poiché bruciando, i gas di combustione creerebbero una patina oleosa che s’intaccherebbe sulla superficie interna di vetro e camino, sporcandolo maggiormente.

Anche quello che buttiamo nel camino fa la differenza: carte troppo inchiostrate o plastificate non vanno bene poiché bruciando, genererebbero troppo fumo che condensandosi sporcherebbe eccessivamente.

In foto: GOYA - Forma Puro 65 di MCZ. Rivestimento in acciaio di spessore 4 mm, arrugginito e trattato a cera in superficie. Passe-partout in acciaio verniciato nero con portalegna laterale.