Mutuo casa

Tipologie di mutuo casa

Gli istituti finanziari propongono diverse tipologie di mutuo per la casa. Le principali due categorie di mutuo si dividono in mutuo a tasso fisso, e mutuo a tasso variabile.


Un mutuo a tasso fisso mantiene per tutta la durata del mutuo lo stesso tasso d'interesse. Il vantaggio nel scegliere un mutuo a tasso fisso consiste nel conoscere sin dall'inizio le spese che si andranno ad affrontare sino all'estinsione dello stesso. Il tasso fisso è quindi indicato per chi vuole mantenere il controllo delle spese da pagare mensilmente durante tutta la durata del mutuo. Rispetto ad un mutuo a tasso variabile, il tasso si mantiene leggermente più alto, ma non può aumentare durante la durata del mutuo.


Il mutuo a tasso variabile non offre la stessa stabilità del mutuo a tasso fisso, poiché il tasso d'interesse è legato all'Euribor, il principale indice finanziario. Generalmente, le rate dei mutuo a tasso variabile sono più basse rispetto a quelle dei mutuo a tasso fisso, specialmente nei primi anni successivi all'adesione. Sempre in base all'andamento di mercato, può essere che il tasso rimanga particolarmente vantaggioso rispetto all'altra soluzione di mutuo, ma allo stesso tempo, potrebbe accadere l'esatto contrario, e ci si ritrova a pagare un tasso d'interesse più alto rispetto alla soluzione a tasso fisso. Questa soluzione potrebbe far risparmiare una consistente somma di denaro, se l'indice finanziario Euribor rimane stabile.


Alcune banche propongono delle soluzioni miste, che consentono al consumatore di sottoscrivere un contratto che gli permette di pagare alcuni mesi a tasso fisso ed altri a tasso variabile.

mutuo

Fermaporta a forma di gatto il Gatti Casa noi solo pay il mutuo fd3571

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,19€


Come scegliere un mutuo

La scelta di un mutuo per la casa dev'essere fatta dopo aver esaminato attentamente diversi criteri fondamentali. Innanzitutto, bisogna scegliere l'importo del mutuo. Molti istituti finanziari permettono di finanziare sino all'80% del valore d'acquisto.

Oltre all'importo, bisogna interrogarsi sulla durata del mutuo. La durata massima di un mutuo è di 40 anni, mentre la durata minima è di 10 anni. Se si ha l'intenzione e la capacità di poter pagare la casa acquistata sotto i 10 anni, si può ricorrere ad un prestito per la casa.

La rata mensile di un mutuo a lungo termine è nettamente inferiore a quella di un mutuo decennale, ma viene maggiorata da costi e spese di gestione, ed alla fine dei conti, ci si ritrova a pagare anche oltre un terzo in più del valore della casa. Ovviamente, il calcolo della rata da pagare mensilmente sarà anche dettato dalla busta paga dell'acquirente. Alcune banche permettono di pagare le rate del mutuo semestralmente anziché mensilmente, e così facendo smorzano parte delle spese.

Poiché la scelta del mutuo casa è una scelta che andrà a condizionare la vita finanziaria per alcuni anni, è importante scegliere la soluzione migliore. Prima di entrare nel primo istituto di credito conviene paragonare i mutui di diverse banche: su internet si trovano decine di portali che con pochi click consentono una rapida disamina di tutte le tipologie di mutuo casa offerte.

Oltre a paragonare i tassi e le tipologie di mutuo offerte bisogna prestare attenzione anche alle spese di pratica e le spese amministrative applicate dalle varie banche.

Oltre a queste spese, si devono calcolare anche le spese di assicurazione sul finanziamento.

  • Detrazione interessi mutuo abitazione principale La Normativa che regola la detrazione sugli interessi del mutuo permette alle famiglie di risparmiare il 19 per cento dell'IRPEF sui mutui riguardanti prime case o abitazioni principali, e che può ess...
  • <i>interessi passivi mutuo</i> Chi contrae un mutuo o un prestito personale o una qualsiasi forma di finanziamento paga degli interessi che vengono definiti passivi poichè sono un costo e di conseguenza una perdita economica. Quals...

Ganci Portachiavi Gatto &#232; il gatto casa noi solo pay il mutuo f1187mortgage

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,16€


Mutuo casa: Documentazione necessaria per accendere un mutuo per la casa

Scegliere la tipologia di mutuo è un passo importante, ma per accedere al mutuo bisogna preparare una documentazione completa. Le banche richiedono i seguenti documenti:

I lavoratori dipendenti devono portare una copia del CUD, l'originale cedolino dell'ultimo stipendio nonché una dichiarazione da parte del datore di lavoro che attesta l'anzianità di servizio del dipendente.

I liberi professionisti dovranno allegare una copia del modello "unico", l'estratto dell'iscrizione presso la camera di commercio industria ed artigianato, e se presente, una copia dell'iscrizione all'albo.

A questi documenti si aggiungono: la planimetria dell'immobile, la copia del certificato di abitabilità, la copia del compromesso (o promessa di vendita) e la copia del precedente atto di acquisto dell'immobile in questione.

Per finire, si devono aggiungere le copie dei documenti di identità, il certificato dell'atto di nascita ed il certificato dello stato civile (se non già integrato nell'atto di nascita).

In base al comune di residenza, è possibile che la banca richieda ulteriori documenti e certificati. I documenti sopraelencati sono quelli indispensabili da far pervenire per qualsiasi pratica di mutuo in tutta Italia.

La presentazione della domanda di mutuo và fatta consegnando tutti i documenti al completo. Gli istituti finanziari possono prendersi anche oltre un mese per decidere, quindi bisogna ricordarsi di presentare i documenti con largo anticipo.