Progettare la cabina armadio: guida pratica

vedi anche: Cabine Armadio

Definire il progetto step by step

Se un tempo la cabina armadio era un lusso per pochi e un progetto realizzabile solo in caso di spazi molto ampi, adesso le cose sono nettamente cambiate. La spesa è diventata accessibile a un maggior numero di persone e le soluzioni sono così tante che il desiderio si può realizzabile anche se a disposizione si ha una superficie poco estesa. Bisogna, però, fare la scelta giusta.



Se si dispone di un’intera stanza da adibire a cabina armadio, il problema non si pone. In caso contrario, bisogna comprendere se sia possibile ricavare un’area ad hoc nella camera da letto oppure individuare una valida alternativa, per esempio un ripostiglio, un sottoscala, l’antibagno.



Una volta stabilita la collocazione, occorre prendere tutte le misure con estrema precisione, tenendo presente che la profondità deve essere pari come minimo a 120 cm e la larghezza a 200-220 cm. Anche 2 mq possono bastare, se non si hanno particolari pretese.



A questo punto occorre concentrarsi sulla struttura e porsi domande del tipo: meglio le pareti in cartongesso o un telaio in legno? Le ante scorrevoli oppure a battente? Voglio che la mia cabina armadio sia invece a vista? Preferisco che sia chiusa da pannelli in vetro o tende? Deve avere una forma lineare oppure angolare?



Prendete un foglio e una matita e segnate qualche tratto per ogni interrogativo sciolto: nel giro di pochi minuti sarete sorpresi dall’aver disegnato, sia pur in modo grossolano, la vostra cabina ideale.

Sistema Miria - Garofoli

PREMAG fai da Te Portatile Armadio Guardaroba, Modular Storage organizzatore, di economia di Spazio stanzino, Deeper cubo con Hanging Asta 16 cubi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 76,99€
(Risparmi 46,62€)


Come attrezzarla internamente

  • Dall’Agnese – Project Up 02
  • Palo Alto – Misuraemme
  • Poliform – Ubik
Il grado di comfort e funzionalità di una cabina armadio è direttamente proporzionale all’attrezzatura interna. E quest’ultima dev’essere scelta in base alla tipologia di capi che compongono il proprio guardaroba. Per aiutarvi, vogliamo definire uno schema di partenza:



  • Barre appendiabiti, indispensabili per tenere in ordine camicie, abiti lunghi, cappotti, giubbotti e così via. Alcune sono dotati di meccanismi saliscendi che permettono di raggiungere agevolmente i capi più in alto.
  • Cassettiere per riporre maglioni, t-shirt, pigiami, biancheria intima ma anche cravatte, cinture e foulard.
  • Ripiani a giorno: svolgono la stessa funzione delle cassettiere, ma possono servire anche per sistemare borse e borselli.
  • Scatole di diverse dimensioni.



Se la cabina è utilizzata da un uomo, il porta pantaloni estraibile fa la differenza. Se lo spazio lo consente, buona idea è attrezzare la cabina anche con una scarpiera. Naturalmente, non possono mancare uno specchio verticale, almeno una seduta e un tappeto.


  • Ante per chiudere cabina armadio La cabina armadio è una soluzione strutturale che sempre più spesso, quando le condizioni lo consentono, viene preferita all’armadio tradizionale. I motivi sono diversi: la notevole capacità conteniti...
  • cabina armadio Zalf Considerate un tempo un lusso per pochi, oggi le cabine armadio sono una soluzione pratica e comoda, entrata a fare parte delle consuetudini dei più. Progettare le cabine armadio significa pensare dov...
  • Armadi Ikea L'azienda svedese arriva da noi a presentarci le sue innovative e funzionali proposte per gli spazi di contenimento: pratiche, intelligenti e sempre in ordine, arredano ogni spazio della nostra casa c...
  • Dove posizionare la cabina armadio Sempre più persone scelgono la cabina armadio. Il crescente successo di questa tipologia di guardaroba è dovuto a vari fattori: i prezzi sempre più accessibili, la modularità che si traduce in una gra...

AVANTI TRENDSTORE - Balu 2,3 e 4, Armadio ad Ante a Battente, Disponibile in 2 Diversi Colori e 3 Diverse larghezze (Bianco, 4 Ante)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 214€


Gli errori più comuni

Cabina armadio Open - Lema Vediamo adesso quali sono gli errori più comuni relativi alla scelta della cabina armadio:



Non prendere bene le misure dello spazio disponibile: lo ribadiamo, questo è un passaggio chiave. La superficialità, in tal senso, può tradursi in una serie di inconvenienti e fastidi. Se non volete correre il rischio di non riuscire a sistemare la cassettiera o aprirla, di ritrovarvi con qualche ripiano di troppo o in meno e via dicendo, armatevi di metro.

Non sfruttare pienamente le altezze: questo è davvero imperdonabile, perché proprio lo spazio verticale può essere risolutivo. Pensate che i ripiani, le scatole, i moduli che arrivano fino al soffitto siano scomodi? Procuratevi una scaletta e sistemate in alto i capi e gli oggetti che non utilizzate nella stagione in corso e vi ricrederete nettamente.



Infine, non fate l’errore di sottovalutare l’importanza dell’illuminazione, altrimenti nel giro di poche ore sarete lì a cercare disperatamente questo o quell’altro indumento e a non riuscire a vedere bene la vostra immagine nello specchio. Per non parlare del disagio che dovrete affrontare quando arriverà il momento di fare il cambio di stagione.


Progettare la cabina armadio: guida pratica: Quanto costa una cabina armadio?

  • Porada - My Suite
  • BT 45 - Space Wic
  • Caccaro - Camerino
Bella domanda. Dare una risposta univoca e precisa è impossibile, perché sono numerosi i fattori che incidono sul prezzo finale di una cabina armadio: le dimensioni, i materiali impiegati, il tipo di struttura, l’attrezzatura interna. Si consideri, però, che una cabina a giorno, cioè composta da moduli aperti, per ovvi motivi è molto più economica di una cabina chiusa da ante.



Così come si risparmia prediligendo i semplici ripiani alle cassettiere. E si spende di più, di contro, optando per una cabina in legno massiccio. Per darvi un’idea di massima, riferendoci alle cabine preformate e predefinite, vogliamo indicarvi una forbice di prezzi: si parte da 200 euro per arrivare a 1.000-1.500 euro.