Sedie in plastica

Il design materico

I materiali polimerici generalmente chiamati “plastiche” spesso anche con accezione di basso livello o qualità, non sono abbastanza conosciuti o apprezzati per la loro particolare e poliedrica natura, innovazione e caratteristiche intrinseche.

Esistono moltissimi materiali plastici ognuno con caratteristiche diverse, specifico per un determinato uso, stampaggio o lavorazione. Ad esempio, le plastiche sono spessissimo impiegate nell’arredo interno ed esterno.

Particolare importanza nella storia della plastica ha l’ingegnere chimico Giulio Castelli, che con le sue ricerche in materia, ha fondato nel 1949 la Kartell, prima azienda produttrice a livello industriale di oggetti in plastica.

Le sedie in plastica per interni ad esempio, hanno avuto un boom negli anni 60, con la prima sedia realizzata in unico stampo su progetto di Joe Colombo nel 1965, la sedia No. 4860, prodotta da kartell.

In foto: Design Stefano Giovannoni da Magis - Sedia Murano Vanity Chair

sedie plastica design

Azard - Sedia Bianca Plastica Impilabile Giardino Garden Bar Interno Esterno Pizzeria

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,36€


Produzione industriale in plastica

sedia kartell Con il passare degli anni sono state sempre più le sedie in plastica di design progettate e realizzate per gli ambienti interni, ma anche propense per un uso all’esterno. Kartell ancora oggi è la principale produttrice di questi elementi polimerici, che con lo scorrere del tempo hanno assunto valore storico, morale, filologico.

In se, la plastica secondo il suo modello di plasmazione, assume valenze di ogni tipo, come un grande valore, una forza estetica e un’importanza sociale più di quanto non possa essere da semplice materia prima. Ne è esempio la seduta a sbalzo Panton Chair del designer danese Verner Panthon, prodotta da Vitra. Questa seduta sfrutta la resistenza della curvatura materica con stampaggio a iniezione per realizzare un elemento monoblocco che all’occhio pare una scultura polimorfa stilizzata in linee semplici e dirette.

Altra proposta di Kartell la seduta Victoria Ghost, dalle forme baroccheggianti impresse nel profilo della forma, riempie di luce con la sua trasparenza neutra o colorata, la più buia delle sale da pranzo.

Magis propone invece la Murano Vanity Chair, eleganza e stile lineare dalle forme ammorbidite, realizzata in policarbonato con le gambe trasparenti, disponibile in più colori.

In foto: sedia Victoria Ghost di Kartell


  • alessi piana sedia Che cosa è più pratico di una sedia pieghevole? Possiamo possederne in abbondanza, per ogni ospite che arriverà, occupando sempre il minimo spazio d’ingombro, pratiche, maneggevoli e funzionali, sono ...
  • sedia jeff ikea Quando ci servono delle sedute, ma non abbiamo troppo denaro a disposizione, possiamo cercare e valutare con lo scopo di accaparrarci sedute low cost. Queste sedie sono generalmente prevalenti in funz...
  • bonaldo Nella nostra zona giorno, padroneggia un bel divano morbido e accogliente dalle linee pulite e minimali, e dal colore tenue in toni di grigio. Le pareti sobrie, bianche e pulite, e un tavolo in crista...
  • sedia panton La scelta di sedie per gli spazi di casa, non deve essere sottovalutata poiché un’errata preferenza comporterebbe notevoli discomfort, non solo estetici ma anche fisici.Infatti, la scelta delle sedi...

Ischia Sedia monoblocco impilabile con schienale basso, effetto Rattan, Colore Nero (Antracite)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,29€


Sedie in plastica: Nameless plastic chairs

sedia plastica Non necessariamente le sedie in plastica devono avere un nome. Se ci fermiamo a pensare, troviamo nei giorni nostri tantissimi esempi di sedute in materiale polimerico, dal costo basso e sconosciute al mondo del design. Questo è il risultato della ricerca degli anni passati, di chi il nome ce l’ha perché ha influito sulla sperimentazione, sulla storia sia materiale che progettuale, dando modo di poter applicare le tecnologia sodata a livello più popolare, come ad esempio le sedute in materiale plastico dell’ikea.

Inoltre, spesso notiamo che nelle sedute in plastica, ci sono zigrinature e nervature che danno un particolare effetto decorativo, ma in realtà sono progettate soprattutto per irrigidire la struttura: infatti le plastiche stampate in spessori minori necessitano di sezioni non lineari per poter sostenere gli stessi carichi delle altre.

In foto: sedia Shell di Reflex