Come pulire l'alcantara

Un materiale innovativo

Che cos’è l’Alcantara? È un materiale composito creato per i rivestimenti dalla ditta produttrice che porta lo stesso nome, realizzato senza trama né ordito, ottenuto dalla combinazione di processi di filatura, tessili e chimici, che danno vita ad un materiale molto resistente, morbido, molto versatile.

È impiegato in molti ambiti, dall’interno delle auto, all’arredamento soprattutto per sedute e complementi, nello yatching, nell’abbigliamento, per gli accessori e per il settore tecnologico.

L’aspetto superficiale del materiale può essere modificato attraverso differenti lavorazioni e secondo il settore di applicazione, presenta differenti caratteristiche tecniche e proprietà funzionali.

alcantara

Spazzola di Pulizia, PYRUS Potenza Scrubber kit di Pulizia Spazzola Portatile Guanto Senza Fili per la Cucina, Bagno

Prezzo: in offerta su Amazon a: 36,99€


Manutenzione: come pulire l’alcantara?

alcantara L’alcantara deve essere pulito regolarmente per preservarne la bellezza, evitando di strofinare energicamente ed evitando il vapore: ma come pulire l’alcantara per preservarne tutti i suoi aspetti?

È importante compiere una pulizia quotidiana impiegando una spazzola morbida o un panno, o con l’aspirapolvere, per rimuovere acari e accumulo di polveri.

Una volta a settimana dopo la pulizia a secco, passare la superficie con un panno inumidito, bianco, senza stampe che potrebbero rilasciare colore sul materiale.

Annualmente se possibile, sfoderare l’elemento rivestito in Alcantara e lavarlo in lavatrice, seguendo le norme sull’etichetta. Se l’imbottito non è sfoderabile, esistono appositi prodotti specifici per questo materiale che permettono una detersione a fondo e duratura.


    Boston Shaker Acciaio : 2 pezzi: 550ml & 750ml(18oz & 28oz) Shaker Cocktail - Kit Barman Professionale di Homekeros

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,99€
    (Risparmi 40€)


    Lavaggio e smacchiatura

    alcantara Come pulire l’alcantara nel caso di macchie resistenti o importanti? Il lavaggio in lavatrice può essere eseguito a circa 30°C, detergente neutro e senza candeggina né centrifuga. A fine lavaggio farlo asciugare bene all’aria e poi spazzolarlo con una spazzola morbida. Per la stiratura la piastra non deve mai toccare il materiale, è consigliabile interporre un panno tra il ferro e il materiale.

    Nel caso si formino accidentalmente macchie localizzate, si deve intervenire immediatamente, entro la mezz’ora, e trattare la macchia per ridurla, portandola dal bordo verso il centro, cercando di rimuovere la sostanza rovesciata se densa, con un elemento rigido, un cucchiaino o una spatola, prima di intervenire per la pulitura, con carta assorbente se invece la sostanza è liquida, sempre senza strofinare.


    Come pulire l'alcantara: Tipi di macchie e soluzioni appropriate

    alcantara Come pulire l’alcantara secondo i tipi di macchie? È consigliato distinguere le tipologie di elementi che macchiano il materiale, affinchè si possa agire correttamente secondo il tipo di danno.

    Succo di frutta, marmellata, gelatina, sciroppo, ketchup: usare acqua appena tiepida; risciacquare tamponando con acqua pulita.

    Sangue, uovo, feci e urina: usare acqua fredda; evitare l’acqua calda che fa coagulare queste sostanze; risciacquare tamponando con acqua pulita.

    Liquori alcolici, vino, birra, coca e te: usare acqua appena tiepida; se resta la chiazza di colore trattarla con succo di limone e poi sciacquare bene.

    Matita copiativa, cacao, cioccolata, dolci alla crema e al cioccolato, gelato, senape: usare acqua appena tiepida; risciacquare tamponando con acqua pulita.

    Aceto, gel per capelli, salsa di pomodoro, caffè con zucchero: usare succo di limone e poi ripassare con acqua appena tiepida; risciacquare tamponando con acqua pulita.

    Rossetto, fondotinta, mascara, ombretto, profumo, lucido da scarpe, olio e grasso in generale, macchie d’erba e pennarelli in generale (anche quelli di tipo indelebile): tamponare con alcool etilico, poi con acqua e risciacquare.

    Per le macchie d’erba e di pennarello che sono piuttosto difficili da togliere, soprattutto sul colore chiaro, è necessario intervenire al più presto, per evitare che diventino troppo “secche”.

    Chewing-gum e cera: mettere del ghiaccio in un sacchetto di plastica; quando la sostanza si è indurita rimuoverla a pezzi, poi trattare con alcool etilico.