Scopri tutti i vantaggi dei frigoriferi combinati no frost

Come funzionano i frigo no frost

I frigoriferi combinati appaiono simili a quelli più tradizionali a doppia porta, ma sono più grandi. L’ordine vano frigo/congelatore, inoltre, è invertito: il primo occupa la parte superiore e il secondo, meno capiente, quella inferiore. Questo tipo di frigorifero è oggi molto diffuso e crescente successo riscuotono i modelli No Frost. Di cosa si tratta?



“No Frost” significa, letteralmente, “senza brina”. Gli elettrodomestici in questione funzionano sulla base di una meccanismo a circolazione d’aria forzata costante e non escludibile; l’aria fredda e secca viene introdotta al loro interno per mezzo di una ventola in continuo movimento e proprio questa circolazione uniforme elimina l’umidità e, di conseguenza, la necessità di procedere con interventi di sbrinamento periodici.



Non c’è più questo impegno e questa noia, quindi. Un altro vantaggio è che gli alimenti si mantengono più a lungo e in condizioni migliori rispetto a quanto accade nel caso dei frigoriferi tradizionali.

Frigorifero combinato a libera installazione Whirlpool No Frost - W9 941D IX H

Indesit B 18 A1 D/I Frigorifero combinato da incasso, 195L 80L, A+, Acciaio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 306,99€


Quali sono le migliori marche

  • Combinato da Incasso F1RST BRB260030WW - Samsung
  • Frigorifero 50's Style FAB50 – Smeg
  • Frigo-congelatore posizionamento libero KFN 28132 ws - Miele
I frigoriferi combinati No Frost possono essere freestanding oppure da incasso e in entrambi i casi l’offerta sul mercato è ampia. La tipologia di installazione aiuta a fare una prima scrematura; si consiglia inoltre di scegliere un modello che si collochi come minimo nella classe di efficienza energetica A+. Le migliori marche? Nell’elenco non possono non figurare le seguenti:



  • Whirlpool.
  • Bosch.
  • Aeg.
  • Hotpoint.
  • Smeg.
  • Lg.
  • Electrolux.
  • Samsung.
  • Hisense.
  • Indesit.
  • Candy.
  • Miele.
  • Siemens.



Facciamo presente che ci sono frigoriferi No Frost Totale e frigoriferi No Frost parziale: nel primo caso il sistema in questione caratterizza sia il vano frigo che il congelatore, nel secondo soltanto il congelatore.



Non si sottovaluti l’importanza del servizio clienti, anzi prima della scelta definitiva si faccia una verifica in tal senso: è indispensabile avere interlocutori solerti e disponibili cui affidarsi in caso di problemi all’apparecchio.


    Candy Incasso CFBD 2450/2E Frigorifero a Doppie Porte A+, Bianco

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 217,4€
    (Risparmi 1,39€)


    Quanto consumano

    • Frigorifero a libera installazione LI80 FF2 S BF154074 – Indesit
    • Hotpoint LH8 FF20 X Combinato – No Frost congelatore
    • Hisense RB43N4GX3 Total no Frost
    Il consumo dei frigoriferi No Frost, così come quello di tutti gli altri elettrodomestici, dipende in primis dalla classe energetica. Un modello in classe A+++ consuma mediamente 166 KWh all’anno, uno in classe A++ fra i Da 166 e i 263 KWh e uno in classe A++ fra i 263 a 344 KWh.



    Un KWh costa attualmente 20-21 centesimi, quindi basta fare una moltiplicazione per ottenere una cifra orientativa. Si tenga però conto del fatto che incidono anche le dimensioni dell’elettrodomestico, la sua “età”, la temperatura impostata dall’utente.



    I No Frost sono dotati di un’ottima capacità di raffreddamento, per cui impediscono le inutili dispersioni di calore, ostacolano i cali di prestazioni e mantengono una temperatura costante: tutti fattori che consentono di contenere i consumi di energia elettrica.


    Scopri tutti i vantaggi dei frigoriferi combinati no frost: Quanto durano in media

    Black Steel - Siemens Un frigorifero combinato No Frost di qualità dura in media dai 10 ai 15 anni, in alcuni casi arriva anche al traguardo dei 20 anni. Molti si chiedono quando sia meglio cambiarlo; alcuni preferiscono attendere che arrivi il momento di un guasto importante, altri tendono a giocare d’anticipo.



    Molto dipende dallo stato effettivo dell’elettrodomestico; se funziona perfettamente, non ha senso sostituirlo prima del tempo. A meno che non si intenda fare un salto di qualità per quanto concerne la classe di efficienza energetica, per esempio passando dalla A+ alla A+++.



    In questo caso si affronta una spesa impegnativa ma che viene ammortizzata nel giro di poco tempo e alla fine dei conti si ottiene un risparmio.