La guida completa alla scelta della lavatrice

Lavatrice a carica dall’alto o frontale?

Carica frontale o carica dall’alto? Questa la prima decisione da prendere quando arriva il momento di acquistare una lavatrice nuova. E la risposta, naturalmente, dipende innanzi tutto dallo spazio disponibile. Le lavatrici con carica frontale rappresentano la scelta più tradizionale e indubbiamente più diffusa; hanno una profondità di circa 60 centimetri, permettono di vedere all’interno tramite l’oblò (e quindi controllare il processo di lavaggio) e possono anche essere incassate in un mobile, integrandosi perfettamente con l’arredamento della stanza. Tutto questo non è possibile con le lavatrici con carica dall’alto, che però in compenso costano meno e risultano più comode in quanto non costringono a piegare la schiena o le gambe. Sono inoltre risolutive quando la superficie fruibile è piuttosto ridotta. Esiste anche una terza tipologia di lavatrice che sta riscuotendo crescenti consensi: la “slim” con carica frontale. Che è la soluzione perfetta per chi preferisce l’apertura frontale ma non riesce a ricavare nell’ambiente i canonici 60 centimetri.

In foto la lavatrice con carica frontale Hatrium HW80-B14636 di Haier, classe di efficienza energetica A+++ -50 per cento. Ha una capacità di carico pari a 8 kg e un motore a trasmissione diretta (senza cinghia o spazzole) che garantisce grande silenziosità e basse vibrazioni. Il motore è garantito a vita. Segnaliamo anche l’ABT, cioè l’esclusivo trattamento antibatterico messo a punto dall’azienda che protegge la parti più “sensibili” della lavatrice, cioè il cassetto per i detersivi e la guarnizione di gomma dell'oblò.

Lavatrice a carica dall’alto o frontale?

Sacchetti Rete da Biancheria per Lavatrice Salva Reggiseno Bucato Borse con Zip Sacca per Vestiti Delicati 6 pcs Varie Misure per Camicie Calzini Lingerie Intimi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€
(Risparmi 16€)


La capacità di carico della lavatrice

La capacità di carico della lavatrice Un altro importante fattore che incide sulla scelta della lavatrice è la capacità di carico. Naturalmente, i single e la coppie devono fare un bucato quantitativamente ridotto rispetto alle famiglie. E in una famiglia di 4 persone si lavano meno capi rispetto a una famiglia con 5, 6, magari anche più componenti. Bisogna anche considerare se si è soliti lavare la biancheria da letto invernale (piumini, trapunte e via dicendo) in lavatrice o si preferisce portarli in lavanderia. Le esigenze, dunque, possono cambiare notevolmente di caso in caso. Le aziende produttrici tendono a realizzare lavatrici sempre più capienti, la cui capacità arriva anche a 10-12 kg; risultano piuttosto ingombranti e costano di più, è vero, ma ripagano ampiamente in termini di praticità. Ammesso che ce ne sia bisogno. Gli apparecchi standard e più gettonati, invece, hanno una capacità di carico compresa fra i 5 e i 7 kg.

In foto la lavatrice a libera installazione Hotpoint RPD 1046 DD IT. Principali caratteristiche: capacità 10 kg, velocità centrifuga 1.400 giri al minuto, classe energetica A+++. Grazie all’azione combinata delle tecnologie Direct Injection e Digital Motion le macchie più ostinate vengono rimosse anche con un ciclo a 20 gradi. La guarnizione del cesto, grazie a un particolare trattamento antimicrobico, ostacola la formazione delle muffe e riduce fino al 99 per cento la proliferazione di batteri.


  • lavatrice antimacchia Ariston Presente in tutte le nostre case, la lavatrice è uno degli elettrodomestici che usiamo più di frequente. Sembra scontato, dunque, che tutti ne conosciamo il corretto funzionamento. Forse, invece, è pr...
  • lavatrici ecologiche whirlpool I consumatori, sensibili alle tematiche ambientali, oggi sono sempre più attenti, quando comprano un elettrodomestico, alle prestazioni che garantisce, al tipo e alla quantità di detersivi che utiliz...
  • lavatrice miele con dosaggio detersivo automatico Lavare non è mai stato così semplice ed economico con la lavatrice Miele W 5000 WPS Supertronic con sistema AutoDos. In base al carico e al programma selezionato la lavabiancheria preleva autonomament...
  • cesta della biancheria sporca Quando preparate la biancheria per il bucato in lavatrice siete così bravi da dividere mano mano capi chiari, scuri e delicati? O il cesto della vostra biancheria sporca settimanalmente esplode? Qualu...

H.VERSAILTEX Tappetino da bagno super morbido tappetino da bagno in microfibra lavabile tappeto da 50 x 81 cm - Marina

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€
(Risparmi 13€)


I programmi di lavaggio disponibili

I programmi di lavaggio disponibili Tutte le lavatrici hanno diversi programmi di lavaggio; quelle più evolute ne hanno molti. Si sceglie, in primis, fra i vari programmi relativi alle diverse tipologie di tessuti e che di questi ultimi portano il nome: programma cotone, programma lana, programma sintetici e via dicendo. Poi ce ne sono altri basilari, presenti praticamente in ogni lavatrice, quali il programma automatico (che in base al carico inserito nel cestello, tramite appositi sensori, calcola la quantità d’acqua, la temperatura e la centrifuga necessarie), il programma delicato e la partenza ritardata, grazie alla quale è possibile programmare l’avvio del lavaggio per sfruttare le fasce orarie notturne e quindi risparmiare energia elettrica. Abbiamo anche il lavaggio breve, che dura dai 20 ai 40 minuti e di conseguenza è più economico. Molte lavatrici sono dotate pure del programma anti-piega o stiro-facile, che evita la formazione di una quantità eccessiva di pieghe. Altri programmi, presenti oppure no a seconda della lavatrice, sono quelli per gli indumenti e le scarpe utilizzati per fare sport o stare al’aria aperta; quelli per una maggiore igienizzazione dei capi; quelli per la biancheria intima, per i piumoni e le coperte. Di grande utilità sono i programmi che permettono di mescolare tessuti e colori.

In foto la lavatrice a libera installazione con carica dall’alto BTW E71253P (IT) di Indesit, classe di efficienza energetica A+++. Ha un ampio cestello da 7 kg e una centrifuga con velocità massima pari a 1.200 giri al minuto. Segnaliamo il programma Water Balance Plus, che permette di ridurre al minimo l'impiego di acqua, energia e tempo, e l’opzione Extra Wash, ideale invece per combattere le macchie più ostinate come quelle di cioccolato e caffè.


Quali sistemi di sicurezza deve avere la lavatrice

Quali sistemi di sicurezza deve avere la lavatrice Nella scelta di una lavabiancheria non bisogna trascurare o sottovalutare i sistemi di sicurezza anti-trabocco e anti-perdite d'acqua; sono, cioè, meccanismi di scarico automatico e che bloccano il flusso di acqua in caso di malfunzionamento o guasto improvviso. Il sistema anti-schiuma, invece, impedisce che si accumuli la schiuma e di conseguenza salvaguarda il funzionamento dell’elettrodomestico. All’elenco si aggiunge il sistema blocca porta, ormai integrato anche nella lavatrice più piccola ed economica. Il sistema anti-bimbo, in dotazione in quasi tutti i modelli, blocca i comandi affinché i piccoli di casa non possano modificare le impostazioni di lavaggio mentre la macchina è in funzione.

In foto la lavatrice WAYH8849IT di Bosch, caratterizzata da un sistema di dosaggio automatico intelligente e Home Connect; è possibile cioè gestirla da remoto tramite smartphone o tablet PC. Molto utile anche il sistema antimacchia, cioè un’opzione che consente di eliminare macchie di 16 tipologie diverse (olio, vino etc) senza pre-trattamenti e senza l’uso di additivi.


La classe di efficienza energetica

La classe di efficienza energetica Bisogna prestare attenzione alla classe energetica di qualsiasi elettrodomestico, ma in particolare della lavatrice. Il motivo è subito spiegato: in realtà le classi da valutare sono due, quella relativa al lavaggio e quella relativa invece alla centrifuga. Se il rivenditore vi fornisce un’unica indicazione, quindi, fate la domanda esplicita perché di rado le due classi hanno il medesimo valore. Quindi state ricevendo un’informazione incompleta. Attualmente la classe migliore per la lavatrici è la tripla classe A per il lavaggio e la A per la centrifuga. Al fine di concretizzare il risparmio e anche di tutelare l’ambiente circostante, raccomandiamo però di utilizzare la macchina di sera e sfruttare il più possibile i cicli Eco e/o rapidi. Facciamo inoltre presente che le lavatrici di ultima generazione permettono di visualizzare, prima che il lavaggio cominci, i consumi energetici in base al programma impostato, al carico, al livello di sporco. Inoltre è possibile modificare il tempo, la centrifuga e il calore dell’acqua.

In foto la lavatrice Whirlpool FRR12451, classe di efficienza energetica A+++. Ha una capacità di carico pari a 12 kg e la sua struttura garantisce un elevato livello di isolamento acustico. I sensori intelligenti 6° Senso regolano l'utilizzo delle risorse in base al peso e al tipo di carico, permettendo un risparmio (di energia, di acqua e anche di tempo) che arriva anche a una percentuale del 50 per cento.


La guida completa alla scelta della lavatrice: Dove comprare la lavatrice

Dove comprare la lavatrice Le lavatrici si possono acquistare presso i negozi di elettrodomestici ma anche nei punti vendita delle grandi catene specializzate in elettronica quali Euronics, Media World, Unieuro, Expert, Trony. Siete alla ricerca di un modello ben preciso? Vi diamo una dritta: sui siti di molti produttori è possibile trovare l’elenco completo dei rivenditori più vicini, piccole oppure grandi attività commerciali. Consultandolo, potrete risparmiare tempo. Le lavatrici si comprano anche online e molto spesso tramite la Rete si riesce a contenere la spesa e/o usufruire di interessanti promozioni. Affidatevi, però, a realtà affidabili; per esempio ai siti dei negozi e delle catene cui abbiamo fatto cenno prima oppure ai più noti siti di e-commerce.

In foto la lavatrice L78370TL di Aeg, classe di efficienza energetica A+++. Ha un motore inverter che, contrariamente a quelli tradizionali, non utilizza spazzole e di conseguenza è più veloce, affidabile e silenzioso. Inoltre non si riscalda e riduce le pause del cestello ai soli momenti in cui si inverte il senso della rotazione: in questo modo la durata del ciclo di lavaggio si riduce del 25 per cento e i risultati sono ugualmente ottimali.