Curare i bonsai

Un’arte antica

Questa tipologia di cura delle piante ha origine nell’antica Cina di circa 15 secoli fa, nata con un significato religioso metaforico di rivincita della vita sulla morte.

Erano piante particolari che grazie a situazioni climatiche sconosciute non erano cresciute a sufficienza assumendo particolarissime forme antropomorfe e affascinanti.

I tronchi dei veri bonsai cinesi sono vecchi e sofferti, da cui dipartono giovani e vigorosi rami, con grande forza vitale. Nel 13 secolo il bonsai fa il suo ingresso in Giappone dove assume particolari diversi significati: infatti una reinterpretazione della natura in chiave artificiale permette loro di coltivare piante create e non naturalmente modificate come quelli originari. Qui il curare i bonsai diviene arte della creazione, per fare poi il suo ingresso anche nei paesi d’Occidente, intorno ai primi del 900.

bonsai

GT pomate 120ml - pomata naturale famosa per curare il dolore alla gotta

Prezzo: in offerta su Amazon a: 31,4€


Luce

Il bonsai è una pianta che necessita come tutte, di molta luce. Posizionarlo quindi vicino ad una finestra, possibilmente non alla luce diretta e cocente del sole, e se possibile nei periodi caldi esporla all’esterno. Anche se ci hanno regalato una pianta con dicitura “da interni” ricordiamoci che nei momenti non freddi dell’anno questo alberello gradisce molto la posizione esterna, cosicché possa godere anche lui della brezza estiva: nessuna pianta è fatta per vivere esclusivamente in casa.


  • formica Con l’arrivo della bella stagione e del caldo arrivano anche i fastidi degli insetti, in particolare delle formiche. In sottili, lunghe ma persistenti colonne, si sviluppano dall’ingresso per infastid...
  • incidente domestico Casa dolce casa, se ci pensiamo bene, è carica di rischiosi agguati alla nostra salute.Lo sapevate che la maggior parte degli incidenti, avvengono tra le mura di casa? È proprio così..causa la tranq...
  • bimbi albero Arriva il Natale e con lui quella calda atmosfera che ci accompagnerà durante tutte le feste. Siamo impazienti ed è ora di cominciare le decorazioni di Natale, per la nostra casetta: cucina, salotto, ...

Miscelatore monocomando lavello a muro 18x17cm Cromo Mariani serie Epic

Prezzo: in offerta su Amazon a: 54,39€


Acqua

bonsai Il bonsai non necessita di molte attenzioni per sua manutenzione, anzi, meno gliene si attribuisce meglio è. Infatti è necessaria innaffiatura solo nel momento in cui, toccando il terreno ci rendiamo conto che è semisecco, se invece risulta umido, va lasciato tale. Infatti curare i bonsai con troppa acqua può creare marciume delle radici con conseguente morte della piantina. Questo significa che nei periodi non troppo caldi in cui l’acqua non evapora, essi possono anche stare molti giorni senza necessità di essere bagnati.


Concimazione

Curare i bonsai significa anche alimentarli: infatti nei periodi di crescita in cui sono ancora piccole piantine, necessitano di regolare concimazione con concime organico e minerale.

In quantità adeguata e in modo regolare, per non cerare danno alla pianta che potrebbe anche giungere alla morte per dosi troppo elevate.


Curare i bonsai: Rinvaso

bonsai Il rinvaso fa parte del curare i bonsai: infatti da piccole piantine necessitano di rinvaso ogni 2 anni, mentre piante più anziane hanno tempi di rinvaso più lunghi, in genere 3-4 anni.

Fondamentale è sistemare il bonsai in terriccio non troppo fine, anzi piuttosto grezzo escludendo le parti troppo sabbioso. In questo modo infatti le radici cresceranno fini e sane, e cosi sarà anche per la pianta.