Divano esterno, comodo e funzionale

Divani da esterno

Il divano esterno aggiunge stile, comodità e funzionalità agli spazi outdoor. Serve per accogliere gli ospiti, per concedersi momenti di totale relax e per rendere più accogliente il giardino, il terrazzo, la superficie circostante la piscina. Al momento della scelta, occorre innanzi tutto stabilire quale sia il materiale più adatto al caso proprio. Il legno è il materiale più diffuso per quanto riguarda la realizzazione di divani esterni, le essenze maggiormente utilizzate sono il teak, l’iroko, il balau, l’acacia e il mogano. Da qualche anno a questa parte, molto apprezzato è anche il rattan, una tipologia di legno ricavato dalle omonime piante e facilmente lavorabile, ma anche duraturo e particolarmente resistente agli agenti atmosferici. La plastica è il materiale economico per eccellenza, tuttavia viene danneggiata dai raggi solari, tende a macchiarsi facilmente e richiede tempo per la pulizia. Il ferro e l’alluminio riscuotono consensi, soprattutto quando vengono trattati con speciali verniciature che li proteggono proprio dagli agenti atmosferici e dalla ruggine. In foto il divano da giardino 3 posti Cuzco di Maisons du Monde con cuscini bianchi. Caratterizzato da linee essenziali, è perfetto per chi ama lo stile minimalista. La struttura è in resina intrecciata di polietilene resistente ai raggi UV, color nero, con fibra intrecciata a mano e maglia piatta dall'aspetto scanalato; il rivestimento è in polietilene. Dimensioni: altezza 88 cm, lunghezza 163 cm, profondità 76 cm.
Divani da esterno

ART FIRE - Sedia gonfiabile, portatile, amaca, letto, divano, con sacca per il trasporto, ideale per interni o esterni, per picnic, giardino, campeggio, escursionismo e feste in spiaggia, Green

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€
(Risparmi 38,97€)


Divani da giardino

Divani da giardino Quando si sceglie un divano esterno bisogna valutare fattori ben precisi: lo spazio di cui si dispone, le dimensioni del divano stesso, ma anche la propria disponibilità economica e il tempo che si può utilizzare per la manutenzione. Per quanto riguarda i soldi da spendere, il consiglio è quello di preferire un divano più piccolo ma di qualità rispetto a un modello più ampio ma che potrebbe deludere nel giro di poco tempo. Accertatevi inoltre che il prodotto sia resistente all’azione degli agenti atmosferici: raggi solari, vento, piogge. E quando non viene utilizzato, organizzatevi in modo da proteggere il vostro divano con teli o altre coperture ad hoc. In foto il divano 4 posti Maui de Il Giardino di legno, in rattan artificiale intrecciato. La struttura è in alluminio rivestito in Wicker intrecciato, materiale resistente ai raggi ultravioletti, alla corrosione degli agenti atmosferici e all'abrasione. I piedi sono in alluminio con vite regolabile per adattare il divano a pavimentazioni non perfettamente piane. Colori disponibili: nero e testa di moro. Il set di cuscini è composto da seduta e schienale. Il divano può essere accessoriato con un porta riviste in teak che si fissa al bracciolo del divano da giardino e funge anche da comodo piano di appoggio.

  • Amaca tradizionale con le corde Le origini dell'amaca risiedono nella tradizione indigena dell'America del Sud mentre la sua presenza in Europa è merito degli spagnoli che la importarono nel continente. Inizialmente veniva utilizzat...
  • casa bologna Quante volte pensiamo al nostro terrazzo, senza valutare tutte le possibilità che ci sono date dalla sua presenza? Spesso molto sottovalutato come spazio esterno, racchiude in se invece, tantissime ca...
  • greenwood Quando lo spazio che dobbiamo arredare, è esterno e non all’interno di casa, le preferenze per gli arredi saranno in linea con quelle interne oppure potranno anche essere in contrasto, ma comunque nel...
  • cesti in vimini Il vimini è da sempre uno dei materiali più utilizzati per l'arredo in giardino, questo perché si tratta di un prodotto resistente a sole e pioggia, facile e leggero da trasportare o sollevare, dai di...

Klarstein MKS-12 mini bar (minifrigo da 24 litri, classe energetica B, ultracompatto, classe climatica N, silenzioso) - nero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 200,99€


Divani per esterno

Divani per esterno Il divano esterno può essere un prodotto a sé oppure parte di una composizione comprendente altri elementi, in primis poltrone ma anche tavolini. Nel primo caso bisogna riflettere su eventuali accostamenti, nel secondo si ha la certezza di un risultato armonioso e omogeneo. Badate alla collocazione del divano, scegliete un’area che sia sufficientemente ombreggiata o, in mancanza della necessaria quantità di alberi e altre piante, mettete in conto anche l’acquisto di una copertura: tele e ombrelloni sono indubbiamente le soluzioni più gettonate. Da non sottovalutare il rivestimento in tessuto; a tal proposito è fondamentale trovarne uno che sia lavabile anche in lavatrice e che comunque resista bene all’azione del sole (non tenda cioè a scolorirsi) e della pioggia. In foto il divano Borneo di Tectona: intrecciato con una nuova fibra tonda color grigio orizzonte, ha forme dolci e arrotondate che lo rendono molto comodo. E’ disponibile a 2 oppure a 3 posti. Abbinandolo alla poltrona e al poggiapiedi della stessa collezione è possibile creare un vero e proprio salotto open air. Dimensioni: 206 x 89 x H 88 cm.


Divano esterno, comodo e funzionale: Divano da esterno

Divano da esterno Uno fra i materiali attualmente più diffusi per quanto riguarda la realizzazione dei divani da esterno è il teak. Si tratta di un tipo di legno tipico dei Paesi tropicali che possiede interessanti caratteristiche quali la longevità, la flessibilità, la resistenza. Il teak non teme le intemperie, la pioggia, i raggi solari, il vento. Sopporta egregiamente i cambiamenti stagionali e non riporta danni sulla superficie, può essere lavorato con grande facilità ed è anche molto bello: per tutti questi motivi, risulta perfetto per l’arredo giardino. Inoltre non cambia forma, ovvero conserva il suo aspetto originario anche dopo molti anni. Molti non sanno, tra l’altro, che la resina prodotta dal teak stesso lo rende quasi impermeabile e lo protegge dagli attacchi di insetti a batteri; ciò significa che non c’è il rischio che si formino muffe. Quando torna la bella stagione, è opportuno pulire con cura il divano in teak, eventualmente procedere con un lieve carteggio e stendere almeno uno strato di olio protettivo. In foto il divano in teak InOut di Gervasoni, design Paola Navone. Cuscini schienale: tre 40x40 cm, sei 60x60 cm, tre 80x80 cm.