Innaffiare le piante

Una risorsa fondamentale

L’acqua ricopre il 71% del nostro pianeta, tra mari, fiumi e laghi ed è la risorsa fondamentale per lo sviluppo e la crescita sana, della vita. Senza non ci sarebbe nulla. Le piante hanno bisogno di costante acqua per crescere senza danni, proprio come noi.

A questo proposito ecco di seguito alcuni pratici consigli e buone norme per una corretta irrigazione.

Parleremo di come innaffiare le piante, in quali momenti è bene farlo, le quantità e le modalità secondo la tipologia: piante grasse, piante a fusto, fiori e altro.

innaffiare piante

ACQUAGEL NATURALE INNAFFIA PIANTE X 30 GIORNI RILASCIO ACQUA GRADUALE DA 1 LITRO

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,9€


Un metodo naturale e intuitivo: conoscere le piante per innaffiarle

fiori Innaffiare le piante non significa solo abbeverarle secondo schemi e tempi precisi, ma anche sentire il loro stato d’idratazione per capire come e quanto hanno bisogno di acqua. Oltre ad osservare e palpare con le mani il terreno per capire se è secco, esiste un altro modo intelligente per capire se la pianta sta bene o necessita di acqua. Si deve mettere la foglia tra le mani mettendone una sopra e l’altra sotto, e sentire un senso di fresco. Invece se sentiamo la foglia calda, serve immediata acqua!

Innaffiare le piante richiede anche una grande osservazione: guardiamole e capiamo se stanno bene, dai loro rami e foglie. Se sono belli verdi e rigogliosi, sono nel top delle forze, se invece i rametti e le foglie penzolano o tendono ad afflosciarsi è necessaria una goccia di acqua per riportarle a pieno regime.


  • fiori sul balcone Il balcone è uno spazio della casa molto importante che si può trasformare in un mini angolo verde se arredato con gusto. Non importa quanto un balcone sia grande o piccolo, la cosa principale è che p...
  • giardino Mille idee per il giardino, partendo dal verde: verde architettura e design, si compenetrano per dare vita a giardini scultorei, esteticamente impeccabili, e dalla forma perfetta, pensati in ogni stag...
  • fiori Sono davvero mille le idee per un giardino, in primis partendo dal verde. Non può in alcun modo mancare e devono essere presenti spazi di verde, colore e fresco. Per l’estetica e la vivibilità di un g...
  • piante da terrazzo Per chi vive in appartamento lo spazio da dedicare al verde e alla natura è davvero esiguo: ecco perché puntare sui fiori da balcone.I fiori da balcone possono completare con stile ed eleganza lo sp...

Set Per Irrigazione a Goccia,GRDE Irrigazione Automatica Interno Sonde di Auto-irrigazione per Bonsai Impianto Fiore Indoor (8 PACK)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,99€
(Risparmi 10€)


Innaffiare le piante: Come bagnare le piante grasse?

piante grasse Le piantine grasse, polpose, carnose e succulente, meritano particolare attenzione poiché sono costantemente a rischio marciume, sia nelle radici, che a salire sul loro fusto. Infatti, data la loro natura adita a vivere in posti secchi e ardi, stanno molto meglio se non troppo curate e guardate: troppe attenzioni e troppa acqua potrebbero sicuramente nuocere loro irreversibilmente. Innaffiare le piante grasse è una pratica che va fatta piuttosto di rado, partendo da fine inverno per quelle poste all’esterno, mentre per quelle in casa, si varia da un tempo di 10 giorni ad anche un mese tra ogni annaffiatura.

Dipende molto anche dalla tipologia del vaso, ad esempio se di coccio o di plastica, l’acqua evapora più velocemente poiché evapora anche dalle pareti del vaso; dall’esposizione, se in sole pieno, se in interno, o se in luogo ombreggiato; da come è costituito il terreno, se è più o meno drenante; dalla fase di vita della pianta e dal tipo.

Per innaffiarle esistono inoltre diverse modalità:

• Immersione in una bacinella di acqua;

• Innaffiatoio;

• Nebulizzatore o spruzzino.

Tutto dipende dalla dimensione, dal luogo e dalla tipologia di pianta.