Piscine naturali

Le piscine naturali o biopiscine

Le piscine naturali sono soluzioni davvero particolari che possono rendere il giardino di casa un elegante ambiente in cui immergersi, totalmente a contatto con la natura.

Le piscine naturali anche chiamati laghetti interrati o biopiscine, sono realizzate mediante lì interramento di una “vasca” in materiale plastico, resinoso oppure composito, che serve a mantenere pulita l’acqua, che non sia a contatto con il terreno.

In questi spazi, dall’aspetto naturale è possibile ricreare un ambiente artificiale all’apparenza naturalistico, in cui immergersi al pari di una piscina.

Intorno, è possibile piantare alberi, arbusti, collocare sassi pietre e molto altro per rendere l’aspetto il più possibile gradevole e naturale.

In foto: biopiscina a Tricesimo, di Chagall Giardini

biopiscina a Tricesimo, di Chagall Giardini

Bolsius - Candele galleggianti, 20 pezzi, bianco

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,5€


Sostanze naturali per le piscine naturali

biopiscina di Biovillage Marcallo Nelle piscine naturali sono messe al bando le sostanze chimiche.

Solo soluzioni ecologiche permettono di avere l’acqua pulita e cristallina, come metodi di filtraggio realizzate da camere smaltate in titanio, rame e ioni di zinco, oppure arricchendo l’acqua con ozono, o ancora impiegando piccoli ecosistemi acquatici che permettono di filtrare l’acqua dai batteri che depurano naturalmente garantendo acqua pulita e limpida sempre.

Queste piscine hanno bassi costi di manutenzione e sono ecosostenibili, sicure e igieniche.

La loro installazione non è più costosa di una classica piscina tradizionale.

In foto: biopiscina di Biovillage Marcallo

    Räder Design Vaso con piscina naturale

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 24,95€


    Piscine naturali: forme e dimensioni

    Piscina naturale Waterworld Le piscine naturali possono avere diverse forme e dimensioni e impiegare utilizzo di plastiche e polietilene per la realizzazione di base a struttura.

    Devono esserci due distinte vasche, una per la balneazione e una per la collocazione delle piante da fitodepurazione.

    Possono esserci delle cascate che servono anche ad aerare l’acqua a beneficio del ricircolo.

    Le piscine naturali non hanno bisogno di svuotamento invernale e nemmeno di essere coperte nei periodi di non utilizzo.

    Inoltre, non richiedono acqua potabile e non necessitano di energia per essere utilizzate, con costi di gestione bassissimi e manutenzione ridotta al minimo.

    In foto: Piscina naturale Waterworld