Agevolazione per prima casa

A chi spetta l'agevolazione prima casa

Per avere diritto all'agevolazione per prima casa occorre che il futuro acquirente risieda nel Comune in cui è situato l'immobile. In alternativa può manifestare l'impegno, in sede di contratto di compravendita, a stabilirvi la residenza entro diciotto mesi dal rogito notarile. Inoltre non deve possedere, neppure in comproprietà, altri immobili nel Comune adibiti ad abitazione principale.

Viene inoltre richiesto il requisito di non aver beneficiato in passato delle medesime agevolazioni per altro immobile situato nel territorio nazionale. Le agevolazioni vengono estese anche all'acquisto della pertinanza, nei limiti di una per ciascuna unità immobiliare. Sempre consigliabile rivolgersi al geometra o architetto di fiducia per verificare la sussistenza dei requisiti, mentre sarà il notaio in fase contrattuale ad applicare le imposte ridotte dovute.

agevolazione prima casa

TOVAGLIETTE DI CARTA PAGLIA 30X40 1500pz 3 CONFEZIONI PUB BAR RISTORANTE PIZZERIA TAVOLO

Prezzo: in offerta su Amazon a: 33€


Agevolazione per prima casa per successione

Risparmio con agevolazioni prima casa La legge italiana prevede che, entro un anno dal decesso, venga presentata denuncia di successione in cui devono essere indicati tutti i beni immobili intestati al defunto e gli estremi degli eredi. Questo consente allo Stato di procedere con l'imposizione tributaria ai nuovi possessori. Ogni erede può, se esistono i requisiti necessari, usufruire delle agevolazioni prima casa per successione.

Normalmente su un immobile è dovuta l'imposta di successione in percentuale diversa a seconda del grado di parentela con il de cuius, l'imposta ipotecaria e catastale. Se tutti i requisiti richiesti sono presenti l'imposta catastale e quella ipotecaria vengono assolte con il pagamento di una imposta fissa di Euro 200,00 ciascuna, con un notevole risparmio economico. Avere acquisito il possesso di un immobile per successione usufruendo delle agevolazioni prima casa non preclude il diritto di poterne usufruire nuovamente in un acquisto successivo, mentre avere già usufruito in precedenza delle agevolazioni preclude la possibilità di utilizzo in fase di successione.

  • prima casa Vediamo quali sono i requisiti che deve possedere l'immobile che vogliamo acquistare/costruire per poter usufruire degli sgravi fiscali e delle agevolazioni previsti dallo Stato in favore della "prima...
  • Il sogno di una casa di proprietà Il sogno di avere una casa di proprietà accomuna davvero milioni e milioni di persone in tutto il mondo. Acquistare casa, da giovani e non, è sempre una scelta che andrà a condizionare per sempre tutt...
  • Prospetto imposte Chi riceve un immobile o l'usufrutto o la nuda proprietà in successione può richiedere le agevolazioni prima casa. Per usufruirne si devono rispettare alcuni requisiti. Per quanto riguarda l'immobile,...
  • Esempio di porta di bagno per disabili I bagni per disabili devono essere costruiti seguendo delle precise norme dettate da diverse leggi in materia. La prima è la Circolare Ministeriale del Ministero dei Lavori Pubblici del 22/06/1989 n.1...

POSATE TRIS BIANCHI IMBUSTATE FORCHETTA COLTELLO CUCCHIAIO TOVAGLIOLO 900 PEZZI MONOUSO

Prezzo: in offerta su Amazon a: 48€


Imposta di successione: agevolazione prima casa

agevolazione prima casa L'imposta di successione con agevolazione per prima casa viene determinata dall'Agenzia delle Entrate in base alla dichiarazione di successione presentata.

L'imposta viene calcolata con aliquote diverse a seconda del grado di parentela che vi era fra l'erede ed il defunto. Il coniuge, i figli e i genitori pagano un'imposta del 4% sul valore dell'immobile con una franchigia di 1.000.000 di euro ciascuno. Fratelli e sorelle verseranno il 6% del valore complessivo ereditato con una franchigia ridotta a 100.000 euro per ciascun erede. Tutti gli altri parenti verseranno all'Erario il 6% senza alcuna franchigia, mentre per tutti gli altri soggetti è prevista un'aliquota di imposta di successione dell'8%. Se l'erede è persona invalida è prevista una franchigia di 1.500.000 euro indipendentemente dal grado di parentela con il de cuius.


L'agevolazione per prima casa per donazione

Donazione di immobile fra privati Le agevolazioni prima casa per donazione seguono le stesse regole previste in caso di successione. Se il beneficiario della donazione possiede i requisiti per ottenere le agevolazioni prima casa può usufruire dell'imposta catastale e ipotecaria in misura fissa.

Ogni beneficiario della donazione dovrà versare 200,00 euro per ciascuna imposta e dichiarare nell'atto di donazione di essere in possesso dei requisiti richiesti (residenza nel Comune in cui è ubicato l'immobile o impegno a prendervi residenza entro diciotto mesi).

Nello stesso atto sarà previsto il caso di decadenza dei benefici in caso di rivendita dell'immobile ricevuto in donazione nei cinque anni successivi. In caso vi siano più beneficiari sarà sufficiente che uno solo di essi possa vantare il diritto alle agevolazioni perché tutti possano goderne. Nell'eventualità che venga rilevata insussistenza del beneficio del dichiarante tutti coloro che ne avevano beneficiato dovranno farsi carico della maggiore imposta, mentre l'eventuale sanzione verrà inviata al solo soggetto dichiarante.