Classi energetiche immobili

Normative - classe energetica immobili

Le normativa italiana in campo energetico si è dovuta allineare con le direttive europee in ambito di risparmio energetico e energie rinnovabili per questo motivo dal 1 gennaio 2012 non è più possibile autocertificare le classi energetiche immobili in classe G (la meno efficace che richiede costi di gestione più alti) ma deve essere redatto un Attestato di prestazione energetica (APE) per ogni immobile ad uso abitativo oggetto di compravendita o locazione nonché di nuova costruzione. In termini di normativa, in caso di compravendite e locazione, vale quanto contenuto nel decreto-legge "Destinazione Italia" (Dl 23 dicembre 2013 n.145), che sancisce sanzioni amministrative pecuniarie dai 1.000 ai 18.000 euro a chi non allega l'Ape a suddetti contratti. Per contratti di locazione che hanno una durata inferiore ai 4 mesi la pubblicazione dell'Ipe nell'annuncio non è più obbligatoria.
Classi energetiche A - G

Levoit Filtro Carbone Attivo Sostituzione Purificatore Aria LV-H132

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22,78€
(Risparmi 2€)


Classe energetica immobile

Intervalli delle classi energetiche L'IPE (Indice di prestazione energetica) è il parametro sul quale si basa la classificazione energetica degli edifici. Ogni classe energetica di un immobile ha un intervallo ben definito di valori dell'Ipe espresso in kWh per metro quadro all'anno, vale a dire l'energia consumata da un immobile per metro quadro all'anno. Ad esempio un immobile in classe A che consuma meno di 30 kWh/mq*anno spende meno di 3 litri di gasolio per metro quadro all'anno mentre un edificio in classe F spende dai 12 al 16 litri di gasolio per metro quadro all'anno. La classificazione energetica è uniforme su tutto il territorio italiano anche se è ovvio che la posizione geografica influisce in modo importante sugli accorgimenti da adottare per inserire il manufatto in una data categoria incidendo così sull'investimento iniziale e sul successivo ritorno economico.

    Paulmann 941.33 Sistema portalampade in cromo opaco

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 68,95€


    Certificazione classe energetica immobili

    Che prestazioni ha la tua casa L'attestato di prestazione energetica redatto da figure professionali certificate comprende il calcolo dell'indice di prestazione dell'immobile e gli interventi che possono migliorare la classificazione energetica dello stesso. Così da poter, in caso di compravendite o locazione, informare il consumatore sui relativi costi energetici che dovrà affrontare nell'uso dell'abitazione, infatti per fabbricati industriali o agricoli e comunque per edifici non residenziali non è ancora obbligatoria la redazione della certificazione energetica degli immobili. Il protocollo per il rilascio dell'attestato varia nelle singole Regioni. L'obbligo di redazione del certificato delle classi energetiche immobili nei contratti di compravendita può ricadere anche sull'aquirente mentre in caso di nuova costruzione ricade sul costruttore in quanto procedura indispensabile per ottenere l'abitabilità. L'attestato ha una valenza decennale ttranne in caso di ristrutturazioni che prevedano la riconsiderazione dei parametri presi in esame dal precedente certificato.


    Classi energetiche immobili: ESCO - Energy Service Company

    Esempio società ESCO Le ESCO sono società finalizzate al risparmio energetico che assumono su di se parte del rischi d'investimento liberando l'utente finale dalle questioni di organizzazione e investimento. Il profitto di queste società viene dato dal risparmio energetico ottenuto dall'intervento. Gli obiettivi principali che perseguono sono il miglioramento degli impianti e della qualità della rete dei servizi energetici, riduzione dei consumi e gestione e dilazione dell'investimento. Le ESCO vengono definite per la prima volta nel decreto legislativo 115/2008 quali: "persona fisica o giuridica che fornisce servizi energetici ovvero altre misure di miglioramento dell'efficienza energetica nelle installazioni o nei locali dell'utente e, ciò facendo, accetta un certo margine di rischio finanziario. Il pagamento dei servizi forniti si basa, totalmente o parzialmente, sul miglioramento dell'efficienza energetica conseguito e sul raggiungimento degli altri criteri di rendimento stabiliti.