Il deposito cauzionale

Di cosa si tratta

Nei contratti di locazione si parla spesso di deposito cauzionale. Esso è una garanzia che il locatore chiede al conduttore nel momento in cui gli cede in affitto la propria abitazione. Il locatore in qualche modo deve tutelarsi nei confronti dell’inquilino, perché nonostante al termine del contratto, sia obbligato a restituire la casa nelle stesse condizioni in cui gli è stata ceduta, non sempre è così e a farne le spese è proprio il proprietario dell’abitazione. L'importo della garanzia corrisponde a tre mensilità del canone, non attribuibile in conto affitti e produttivo di interessi legali. Questa somma viene resa dall’affittuario, al termine della locazione, dopo che da parte sua ci sia stata una verifica sullo stato dell’unità immobiliare e dell’adempimento di ogni vincolo contrattuale.
affittasi negozio

Mini Pouf Leggero: seduta e/o tavolino colorato per persone piccole :-) Si tratta della versione per bambini del nostro popolare Pouf Leggero, realizzato in polietilene reticolato morbido e resistente. Funziona perfettamente come pouf, tavolino o comodino. Colore: azzurro cielo. D. 35cm x H. 26 cm.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,95€


Affitto

annuncio di affitto Si continua a fare confusione tra deposito cauzionale e mensilità anticipate. Il primo non può superare le tre mensilità di affitto, e deve essere versato su un conto bancario dove annualmente maturano gli interessi che vanno corrisposti all’inquilino. La garanzia per affitto, serve al proprietario della casa per salvaguardarsi nei confronti dell’inquilino, qualora rechi danni all’immobile. Per affittare l'abitazione il contraente deve versare anche alcune mensilità in anticipo. In genere si tratta di tre canoni, che al contrario del deposito cauzionale non vanno restituiti all’inquilino, ma questi possono essere utilizzati per scontare gli ultimi mesi di affitto, prima della scadenza del contratto di locazione.

  • Appartamenti in città Per gli inquilini italiani, con la dichiarazione dei redditi, è possibile scaricare anche le spese relative al canone abitativo. Tuttavia per usufruire delle detrazioni sono necessari alcuni requisiti...
  • Testo unico sull'Imposta di registro L'imposta registro deriva dall'esistenza di atti giuridici che devono o possono essere soggetti alla registrazione. Vi sono atti che devono essere registrati obbligatoriamente e altri che vengono volo...
  • Imposte sulla casa Quando si affitta un immobile di proprietà, come risaputo, bisogna versare allo stato le tasse sul canone d'affitto. Queste tasse sono state generalmente inglobate nell'Irpef, ovvero l'imposta sulla p...
  • Cartello di affitto per una casa La cauzione affitto consiste nel versamento di una determinata somma di denaro nelle mani del locatore, da parte di colui che intende usufruire del bene oggetto del contratto. In questo modo il propri...

Organizzazione del Driver Locomotivo Wimshurst di Timmin del Treno di Parigi di 1879 Appaltatori

Prezzo: in offerta su Amazon a: 21,5€
(Risparmi 21,5€)


Inventario

annuncio di affitto Prima che l’immobile venga ceduto in affitto al conduttore, il locatore redige un inventario dello stato attuale dell’appartamento passando a rassegna eventuale mobilio se è presente nell'abitazione, porte, finestre, muri e pavimenti. E’ una semplice precauzione che porta via un po’ di tempo, ma salvaguarda sia l’inquilino, sia il proprietario. L’inquilino è tutelato, così la controparte non può richiedergli il pagamento di eventuali danni riscontrati ma non provocati da lui, e il proprietario è tutelato qualora l’affittuario gli riconsegni un immobile non conforme a come era al momento della consegna. Entrambi le parti conservano una copia, che può essere utilizzata per verificare alla conclusione del contratto di locazione, lo stato dell’immobile al momento del rilascio.


Il deposito cauzionale: Restituzione

 affitto Alla scadenza del contratto di locazione, il proprietario è tenuto a riconsegnare all’inquilino il deposito cauzionale versato al momento della stipula del contratto. Se il proprietario riscontra delle rotture nell’abitazione, può trattenere il deposito come risarcimento del danno, ma non può farlo di sua iniziativa, deve presentare una domanda giudiziale. Se invece alla scadenza del contratto il nuovo residente non ha pagato per esempio le spese condominiali, la somma può essere decurtata dalla garanzia. La stessa cosa vale nel caso in cui l’inquilino non abbia pagato l’ultimo mese di affitto. Bisogna fare attenzione a non confondere il logorio di un bene e il danneggiamento. Nel primo caso l’inquilino non è obbligato a restituire nulla, mentre nel secondo caso, il diritto di risarcimento deve passare tramite un organo giudiziario.





sitemap %>