Iva prima casa

Iva prima casa

L'iva sulla prima casa, secondo l'attuale normativa in vigore, prevede un'aliquota agevolata del 4%, invece di quella normale del 10%.

Prima di tutto dobbiamo fare una precisazione: l'iva, sull'acquisto di un immobile, si paga nel caso in cui lo si acquisti da un'impresa (il costruttore della casa).

Nell'acquisto da privati, la tassa di riferimento è invece l'imposta di registro, la cui aliquota è stata ridotta a partire dal primo gennaio 2014 dal 3% al 2%.

Gli altri adempimenti fiscali a carico del compratore sono, per completezza, l'imposta ipotecaria e l'imposta catastale che, nell'acquisto della prima casa, sono previste con un valore fisso.

Le pertinenze (box, tettoie, cantine) se costituiscono unità immobiliari autonome, con una propria iscrizione al Catasto, fruiscono allo stesso modo delle agevolazioni.

Queste sono applicabili altresì nel caso in cui la prima casa sia direttamente costruita, invece che acquistata.

Iva prima casa

Aden + Anais 1526G Sacco Nanna, Grigio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 49€
(Risparmi 13€)


Agevolazione iva prima casa

Iva agevolata prima casa Per usufruire dell'agevolazione iva prima casa si devono soddisfare determinati requisiti previsti dalla legge.

Innanzitutto, ed ovviamente, non si deve possedere nello stesso comune, nonché su tutto il territorio nazionale, un altro immobile idoneo ad essere adibito ad abitazione.

Allo stesso modo non è possibile essere titolare di diritti di uso, usufrutto e abitazione su di un immobile abitativo.

Entro diciotto mesi dall'acquisto, se non è stato fatto prima, l'acquirente deve stabilire la propria residenza nel comune dove è sito l'immobile.

Ulteriore condizione è che l'immobile che sia stato acquistato non sia considerato "di lusso". Le condizioni, che devono essere tutte presenti al momento dell'acquisto, devono essere comunicate al notaio che provvederà a trascriverle nell'atto di vendita.

  • Il sogno di una casa di proprietà Il sogno di avere una casa di proprietà accomuna davvero milioni e milioni di persone in tutto il mondo. Acquistare casa, da giovani e non, è sempre una scelta che andrà a condizionare per sempre tutt...
  • Certificato energetico Il certificato energetico, è un documento che attesta la valutazione dei consumi energetici di un immobile, che ha come scopo principale, quello di migliorare i consumi, informando i proprietari degli...
  • Un'abitazione comune Tutti gli immobili che si trovano in territorio nazionale devono essere classificati, secondo le normative europee, in classi di risparmio energetico. Il livello di risparmio energetico di una unità a...
  • Esempio di porta di bagno per disabili I bagni per disabili devono essere costruiti seguendo delle precise norme dettate da diverse leggi in materia. La prima è la Circolare Ministeriale del Ministero dei Lavori Pubblici del 22/06/1989 n.1...

Aden + Anais 2052G Maxi-Copertina, Rosso

Prezzo: in offerta su Amazon a: 55€


Agevolazioni iva prima casa

Mutui agevolati prima casa Le agevolazioni iva prima casa possono anche essere connesse a condizioni di favore nell'accesso al credito.

Ciò significa accesso a condizioni meno gravose per l'accensione di un mutuo ipotecario per l'acquisto dell'abitazione.

A tal fine, è stato istituito un apposito fondo, gestito dalla Consap Spa (società a capitale pubblico), con cui lo Stato garantisce i mutui che non superino l'importo di 250 mila euro per l'acquisto, la riqualificazione o la ristrutturazione dell'immobile abitativo.

Il fondo garantisce per un importo pari al 50% della quota capitale. La richiesta deve essere presentata al finanziatore (la banca o altro intermediario finanziario), che provvederà ad inoltrarla alla società che gestisce il fondo. I

destinatari che beneficiano della garanzia sono in genere le giovani coppie, le famiglie mono-genitoriali con figli minori e i giovani under 35.


Costruzione

Costruzione prima casa Come accennato sopra, l'agevolazione iva prima casa è usufruibile anche in caso di costruzione dell'abitazione.

L'aliquota del 4% non è però applicabile in caso di lavori su edifici già esistenti, come manutenzione ordinaria e straordinaria, ristrutturazione, restauro o risanamento conservativo.

In questi casi si applicherà l'aliquota agevolata del 10%. Essa è applicabile anche alla manutenzione delle parti comuni di un edificio condominiale, a patto che sia a destinazione abitativa.

Per usufruire del regime agevolato nella costruzione, l'immobile deve avere le caratteristiche della prima casa, essere un fabbricato rurale a destinazione abitativa, essere un fabbricato non di lusso. Per usufruirne l'acquirente deve farne richiesta tramite un'apposita dichiarazione, in cui richieda l'applicazione dell'aliquota agevolata.