Registrazione contratto affitto

Il contratto d'affitto

L'affitto, meglio identificato con il termine "locazione", è, per legge, un vero e proprio contratto che intercorre tra due parti. Nel contratto di affitto vi è da una parte il locatore, ovvero colui che possiede un determinato bene e lo concede in utilizzo all'altra parte, ovvero il conduttore, dietro il pagamento di un canone mensile. L'ambito degli "affitti" è regolato dal codice civile (artt. 1571-1654). Tutti i beni che si danno in locazione sono registrati (sia mobili che immobili). Per quanto riguarda gli immobili (sia urbani che non) vi sono due tipologie di locazione: ad uso commerciale e ad uso abitativo. In un contratto di affitto vi sono delle obbligazioni per le parti interessate. Il locatore deve consegnare il bene in buono stato e con requisito di abitabilità, come previsto dalla legge. Il conduttore, invece, deve mantenere perfettamente la cosa ricevuta e pagarne il corrispettivo. Le durate dei contratti d'affitto non sono standard, ma dipendono dalla tipologia di immobile di cui si parla. Vanno generalmente dai 3 anni per gli immobili ad uso abitativo fino a 6 per quelli ad uso commerciale.Newfisco.com
Contratto di locazione

Aden + Anais 2052G Maxi-Copertina, Rosso

Prezzo: in offerta su Amazon a: 55€


Registrare contratto affitto

Registrare contratto affitto Registrare il contatto d'affitto è un obbligo di legge. Tale operazione deve essere fatta entro il termine massimo di 30 giorni dal momento in cui il contratto stesso è stato sottoscritto. Tale tempistica non vale per i contratti che prevedono una durata inferiore ad un mese. La registrazione del contratto di affitto può avvenire sia in modalità cartacea che in modalità telematica, ovvero online. Con modalità cartacea, i moduli devono essere richiesti e compilati presso il più vicino ufficio dell'Agenzia delle Entrate. In particolare, i modelli in questione sono il "Modello 69" e il "Modello RR".Per gli invii telematici occorre servirsi de "Modello Siria" e del "Modello Iris". La compilazione avviene tranquillamente al computer tramite download gratuito dell'apposito software. Con questi, oltre a registrare il contratto d'affitto, si può optare, rispettivamente, per l'imposta sostitutiva e per quelle di registro e bollo.Blog.soldionline.it

  • Appartamenti in città Per gli inquilini italiani, con la dichiarazione dei redditi, è possibile scaricare anche le spese relative al canone abitativo. Tuttavia per usufruire delle detrazioni sono necessari alcuni requisiti...
  • Testo unico sull'Imposta di registro L'imposta registro deriva dall'esistenza di atti giuridici che devono o possono essere soggetti alla registrazione. Vi sono atti che devono essere registrati obbligatoriamente e altri che vengono volo...
  • Imposte sulla casa Quando si affitta un immobile di proprietà, come risaputo, bisogna versare allo stato le tasse sul canone d'affitto. Queste tasse sono state generalmente inglobate nell'Irpef, ovvero l'imposta sulla p...
  • Cartello di affitto per una casa La cauzione affitto consiste nel versamento di una determinata somma di denaro nelle mani del locatore, da parte di colui che intende usufruire del bene oggetto del contratto. In questo modo il propri...

z@ss Acciaio inossidabile Serving basamento del piatto di caramelle di frutta Dessert del bigné a Wedding & partito & della casa . A

Prezzo: in offerta su Amazon a: 54,29€


Costo registrazione contratto affitto

Costo contratto affitto Stabilire il costo della registrazione di un contratto di affitto non è un'operazione complicata. Tale spesa è nota come imposta di registro e va versata prima di presentare tutta la modulistica all'Agenzia delle Entrate competente. L'imposta di registro si calcola su base percentuale e dipende totalmente dalla tipologia di immobili cui appartiene quello oggetto del contratto. La percentuale più bassa, pari allo 0,50%, si applica agli affitti di fondi rustici. Tale percentuale si riferisce al corrispettivo annuale moltiplicato per ogni anno di affitto previsto dal contratto stesso. Una percentuale pari all'1% è dovuta per l'affitto di fabbricati da parte di chi non è soggetto ad Iva. Sale, invece, al 2% per tutti i fabbricati destinati ad un uso abitativo e per tutte le altre tipologie di unità immobiliare.Lavorofisco.it


Registrazione contratto affitto: Pagamento registrazione contratto affitto

Pagamento registrazione affitto Una volta stabilito quello che è l'importo del costo per la registrazione del proprio contratto, bisogna procedere con la fase relativa al saldo della pratica. Il pagamento per la registrazione del contratto di affitto è da effettuarsi, obbligatoriamente, prima di procedere alla registrazione del contratto stesso, mediante il Modello 69 richiedibile in tutti gli uffici dell'Agenzia delle Entrate, con annesso modello di pagamento. Tale operazione avviene direttamente allo sportello, senza alcuna necessità di recarsi in banca o presso l'ufficio postale e perdere ulteriore tempo utile. Il pagamento viene registrato in maniera immediata, in modo che si possa procedere sin da subito con la registrazione del contratto, e, quindi, con la sua completa messa in regola. E' di fondamentale importanza conservare le ricevute di avvenuto pagamento insieme a tutti gli altri documenti che riguardano l'immobile affittato. Grupporemimmobiliare.it