Valore catastale

Come si calcola il valore catastale

Una delle maggiori problematiche delle vita economica quotidiana è senza dubbio il calcolo del valore catastale di un immobile.

Qui di seguito spieghiamo il procedimento migliore e più semplice possibile.

Innanzitutto, è necessario conoscere la categoria catastale dell'immobile e la rendita catastale non rivalutata, reperibile presso l'ufficio del catasto nell'ultima dichiarazione dei redditi (attenzione: per i terreni agricoli si parla di reddito dominicale non rivalutato).

In secondo luogo bisogna specificare se si tratta di un'abitazione principale o meno. Quindi, il valore catastale si ricava moltiplicando la rendita catastale per un dato coefficiente di rivalutazione.

La rendita catastale delle unità facenti parte del gruppo A, C, D ed E deve essere rivalutata del 5%, mentre quelle del gruppo B del 40%.

Questo valore ottenuto dalla rivalutazione deve essere moltiplicato per determinati coefficienti, dati che variano in base all'utilizzo dell'immobile stesso:

- 110 prima casa

- 120 immobili A, C

- 168 immobili B

- 60 immobili A/10, E

- 40,80 immobili C/1, E

- 112,50 per i terreni non edificabili.

catasto e canoni

Not Applicable Tazza da caffè per Carpentiere - Trasformo Il caffè in Case - Carpenteria Falegname Appaltatore Costruzione Casa Legname di Legno Martello Chiodo Occupazione 11 oz

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Cosa è il valore catastale

Piano catastale di un palazzo Attualmente si fa ancora molta confusione su cosa sia il valore catastale di un immobile. Questo, detto anche valore fiscale, è la base di calcolo necessaria per il pagamento di numerose tasse e imposte, come ad esempio: le imposte di registro, ipotecarie, di successione o di donazione.

Questo dato viene particolarmente utilizzato per stabilire il valore minimo annuo del canone di locazione da pagare.

E' importante sapere quale differenza intercorre tra valore catastale e commerciale.

I due valori, infatti, non coincidono affatto, in quanto per ottenere quest'ultimo è necessario far effettuare una stima immobiliare o una quotazione dell'immobile che andremo a valutare.Abbiamo già spiegato come si calcola, ma dobbiamo specificare che, per immobili non censiti presso il Catasto, e dei quali si vuole conoscere il valore per fini fiscali, si fa riferimento alla rendita presunta o proposta.

  • imu rimborso Sono fresche le notizie che ci aggiornano riguardo all’Imu: infatti da quest’anno 2014 non è più da versare la tassa sulla casa relativa all’abitazione principale.Questo accade per tutte le case di ...
  • Cos’è la visura catastale Iniziamo dalle basi: dicasi visura catastale quel documento contenente tutti i dati relativi ad un edificio o ad un’unità immobiliare. A cosa serve? Le finalità di una visura sono molteplici: può serv...
  • Progetti cambio destinazione d'uso Effettuare un cambio di destinazione d'uso ha dei costi che sono variabili in base a diversi fattori, di conseguenza non è possibile stabilire in modo specifico un possibile esborso senza considerare ...
  • Calcolo rendita catastale presunta La rendita catastale è un valore fiscale che viene calcolato per ogni singola abitazione; non si tratta dell'effettivo valore di mercato, o dell'effettiva rendita monetaria garantita da tale immobile,...

Asciugamani da Bagno Sagome di Elicotteri da Viaggio da Spiaggia Asciugamani Blu Doccia Morbida Asciugamani da Spiaggia Extra Large Assorbenti Lenzuola da Bagno Asciugamani da Bagno Spa

Prezzo: in offerta su Amazon a: 23,92€


Cosa è la rendita catastale

calcolo valore catastale In Italia con il termine rendita catastale si indica:

- il valore di un immobile ai fini dell'IMU

- il valore catastale ai fini di imposte varie come quelle di successione e di donazione

Secondo la legge italiana la rendita catastale è alla base per la determinazione del reddito imponibile soggetto alle imposte.

Anche il calcolo della rendita catastale non è semplicissimo, ma cercheremo di spiegarvelo nel modo più comprensibile possibile.

La rendita catastale si ottiene come prodotto da due fattori:

- la consistenza dell'unità immobiliare

- la tariffa d'estimo relativa alla zona censuaria dove è situato l'immobile e all'utilizzo che se ne fa; questa tariffa viene elaborata dall'Agenzia del Territorio.

E'possibile conoscere la rendita catastale di un immobile anche online dal sito dell'Agenzia del Territorio, inserendo come dati:

- Codice fiscale

- Provincia in cui sorge l'immobile

- Identificativi catastali

La rendita catastale di un nuovo immobile si ottiene dopo 30 giorni dal momento in cui è stato dichiarato agibile ed in seguito ad una perizia effettuata da un perito inviato dall'Agenzia del Territorio.


Valore catastale: Rivalutazione della rendita catastale

valore catastale La rivalutazione della rendita catastale è un problema che interessa milioni di cittadini italiani, soprattutto per la complessità con la quale si verifica.

A quanto pare, infatti, sono centinaia gli immobili non dichiarati al catasto o che hanno subito delle modifiche, ma che non sono state segnalate.

Lo scopo di questo procedimento è quello di riportare a valori normali delle rendite che possono essere considerate troppo basse.

Qui di seguito vi elencheremo tutti quegli immobili che saranno soggetti a rivalutazione (o prima valutazione se mai dichiarati):

- Immobili mai censiti

- Immobili che hanno subito modificazioni importanti, tali da comportare un aumento influente della loro rendita

- Fabbricati rurali che non possono essere considerati più come tali

- Immobili il cui uso è stato modificato

E' importante sapere che qualsiasi piccola modifica a un immobile può comportare un significativo aumento, basta, infatti, anche solo la costruzione di un umile bagno o un modico vano per un grosso balzo in alto dell'immobile.

E' giusto, dunque, rivolgersi il prima possibile al catasto per segnalare eventuali modifiche.