Isolanti termici

Isolanti termici: informazioni generali

Gli isolanti termici vengono impiegati nel campo dell’edilizia con lo scopo di creare un isolamento dell’edificio verso quelli che sono gli agenti climatici e le variazioni di temperatura tra l’esterno e l’interno dell’abitazione.

Questi materiali si suddividono in categorie secondo i materiali usati per la loro costruzione. È bene sapere che la messa in opera segue delle regole specifiche che dipendono dal materiale in cui il pannello isolante è stato realizzato.

Oggi, l’uso di questa tipologia di prodotti nel campo edile è regolamentato da una normativa riguardo al risparmio energetico, avendo così come conseguenza la realizzazione di costruzioni verdi, vale a dire, abitazioni costruite nel rispetto dell’ambiente, non soltanto per quanto riguarda i materiali ma anche gli isolamenti tra esterno e interno della casa. I costi dei pannelli variano secondo i materiali di realizzazione; si va da un minimo di 10 euro circa fino ai circa 100 euro, a seconda del materiale del pannello, delle dimensioni e dello spessore.

Esempio d’isolamento termico

Lunae Tazze Caffè Espresso, Termici a Doppia Parete Isolante in Vetro, Set di 2 - 80ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,95€


Isolanti termici naturali

Esempio d’isolante termico naturale Gli isolanti termici naturali vengono utilizzati per realizzare opere edilizie eco-sostenibili mediante l’uso di materiali naturali.

Tra i principali pannelli isolanti è possibile scegliere quelli in fibra di cocco o cellulosa, sughero, legno mineralizzato, perlite o argilla espansa, lana di pecora e tantissimi altri materiali.

Lo scopo di queste strutture è quello arrivare a un livello di efficienza tale da isolare l’opera edilizia dagli agenti atmosferici, dagli sbalzi termici, dai suoni provenienti dall’esterno, resistere al fuoco ed essere traspirabile.

Prendendo come esempio della lana di pecora, essa è tra i più antichi materiali impiegati per la costruzione d’impianti termoacustici. La microstruttura dei suoi filamenti è in grado di sostituire le fibre minerali, è altamente igroscopica riuscendo ad assorbire fino al 30% circa di umidità, rilasciando quest’ultima molto lentamente.

Questa tipologia di pannelli sono adatti per l’isolamento delle opere di legno o nei muri in cartongesso.

  • atg cartongesso Perché realizzare un controsoffitto in cartongesso?Molto spesso l’apposizione di un controsoffitto al soffitto esistente, costituito da una lastra in cartongesso, è realizzato per diversi motivi:•...
  • disegno progetto Come trovare idee per ristrutturare casa quando non vogliamo affidarci a un tecnico?Innanzitutto il consiglio è sempre quello di pensare in grande: non limitate le vostre idee né i vostri pensieri, ...
  • Disenia, nuovibox doccia Smart Quante volte sentiamo il desiderio di rimodernare, ristrutturare il bagno, ma rimandiamo per il troppo lavoro? Bene, è giunto il momento di prendere in mano la situazione e agire.Innanzitutto scopri...
  • progetto Tante le idee, tanti i progetti ma come ristrutturare casa quando non sappiamo nulla di edilizia?In primo luogo è bene valutare con cura il grado di ristrutturazione che deve essere fatta e nel caso...

Aqualogis termici a doppia parete isolante in vetro – espresso 80 ml, set di 2

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,95€


Isolanti termici sintetici

Pannello isolante termico in materiale sintetico Gli isolanti termici sintetici sono una soluzione più economica rispetto ai pannelli isolanti naturali. Solitamente sono derivati dalla lavorazione di materie di origine minerale o chimica. Il polistirene espanso è un derivato del petrolio e la sua lavorazione consiste nella polimerizzazione, trattamento con vapore e sinterizzazione. Può essere acquistato sotto forma di perle o pannelli compatti.

Anche la lana di roccia è un isolante termico sintetico prodotta in seguito alla lavorazione di polveri di roccia sedimentaria o vulcanica. La sua lavorazione consiste nella creazione di fibre riunite poi in pannelli o feltri.

Il vetro cellulare deriva dalla lavorazione della sabbia quarzifera, feldspato, vetro riciclato e altri minerali. Fatta raffreddare forma un blocco di schiuma che poi lavorato si trasforma in pannelli. Quest’ultima tipologia di pannelli è utilizzata in campo edile per la coibentazione d’intercapedini e solai.


Isolanti termici: vantaggi

Esempio d’isolamento termoacustico L’utilizzo degli isolanti termici in campo edile, sia per la realizzazione di abitazioni ma anche di fabbricati e sedi di aziende, porta a un risparmio energetico ed economico. Com’è già stato affermato in precedenza i costi dei pannelli variano in base al materiale che li costituisce, allo spessore e alle dimensioni degli stessi pannelli.

Dal punto di vista dei vantaggi, utilizzare questi pannelli significa ridurre le perdite di calore verso l’esterno dell’abitazione, diminuire il tasso di umidità interno, la formazione di muffe e quindi allungare la vita della casa.

Oltre a questi, l’isolamento termico permette una riduzione dei costi economici del riscaldamento, dei ponti termici, creando un clima interno molto confortevole. Sul mercato, oltre agli isolanti naturali e sintetici, ci sono quelli sottili. Essi sono realizzati con film riflettente esterno dotato da una rete rinforzante, un film riflettente intermedio (riflettere l’irraggiamento termico)e dei separatori (creano una sorta di barriera al caldo e al freddo). Si distinguono per lo spessore molto ridotto rispetto agli altri pannelli presenti in commercio.