Controllo della caldaia: la guida completa

Quali controlli si possono fare senza chiamare il tecnico

La caldaia dev’essere perfettamente funzionante tutto l’anno e a tal fine, soprattutto quando arriva il momento di riaccendere gli impianti radianti, è buona norma fare alcune verifiche, per avere la garanzia di un funzionamento ottimale e anche sentirsi più sicuri. Ecco i casi in cui non occorre rivolgersi a un tecnico ed è possibile procedere da soli:



Controllo della pressione: tutte le caldaie sono dotate di un manometro, cioè un dispositivo che indica la pressione. Basta avviarlo e osservare il valore; se è compreso fra 1,2 bar e 1,5 bar, non ci sono problemi. Se invece risulta inferiore, è sufficiente tenere aperto per pochi secondi il rubinetto di carico dell’impianto, per farlo salire. Se, al contrario, si superano i 2 bar, occorre sfiatare uno o più radiatori, eliminando aria dal circuito.

Controllo dell’accensione del termostato: semplicemente, bisogna fare delle prove relative all’accensione. Il termostato è importante perché regola e programma in modo automatico sia l’avviamento che lo spegnimento della caldaia.



Un’altra buona abitudine consiste nel leggere attentamente le bollette del gas e dell’energia elettrica. Nel caso in cui le abitudini non siano cambiate ma i consumi risultino aumentati, non resta che ipotizzare un guasto alla caldaia e rivolgersi a un professionista del settore. In foto, la caldaia Cares Premium Ariston.

Cares Premium Ariston.

Ventilatore centrifugo TRIAL VC10 W 82/85 motore per caldaie a SANSA e STUFA A PELLET

Prezzo: in offerta su Amazon a: 49€


In cosa consiste la manutenzione ordinaria

  • La manutenzione ordinaria è obbligatoria per legge
  • La manutenzione deve essere affidata a un tecnico abilitato
  • La manutenzione della caldaia è fondamentale anche per la sicurezza
Non è vero, come credono in molti, che la manutenzione ordinaria della caldaia deve essere annuale. O meglio: dipende. Non ci sono normative in merito, semplicemente bisogna seguire le indicazioni relative ai singoli apparecchi e riportate nel libretto delle istruzioni. Vero è, invece, che la manutenzione è obbligatoria per legge.



Si tratta della summa di interventi che servono per mantenere l’impianto sicuro ed efficiente, evitare che consumi troppo e individuare eventuali anomalie. Sono tutti lavori che devono essere eseguiti da tecnici abilitati. Facciamo un elenco più preciso dei vari step:



  • Pulire lo scambiatore lato fumi.
  • Verificare l’evacuazione dei fumi e fare la prova di tiraggio della canna fumaria.
  • Pulire il bruciatore principale e quello pilota.
  • Verificare la tenuta dell'impianto di adduzione del combustibile.
  • Provare il funzionamento del generatore di calore.
  • Controllare la regolarità dell’accensione e la taratura della caldaia.
  • Controllare i dispositivi di comando e regolazione.
  • Verificare i sistemi di espansione.
  • Valutare la produzione di calore.



Inoltre il tecnico deve accertarsi che sia tutto in linea con la normativa vigente, che non ci siano componenti usurati o difettati, che non ci siano perdite d’acqua. Il resoconto della manutenzione deve essere annotato sul libretto d’impianto.


  • caldaia a condensazione Con la caldaia a condensazione possiamo riscaldare le nostre case e ottenere acqua calda in breve tempo, ottenendo un grande rendimento di combustione dato che questo tipo di caldaia riesce a recupera...
  • centrale per impianto di teleriscaldamento Sviluppatosi in Italia a partire dagli anni Sessanta, il teleriscaldamento è una tipologia di produzione e scambio di calore che sfrutta una risorsa combustibile presente nel territorio in abbondanza ...
  • consigli sulla caldaia Dalla combustione della legna nei focolari, per scaldare gli ambienti di una casa, siamo passati con il trascorrere degli anni ai combustibili liquidi. L'esigenza di riscaldarsi e ottimizzare il clima...
  • caldaia Nelle nostre case esistono diverse tipologie d’impianti che permettono a noi di poter svolgere una vita agevolmente, con molti comfort e comodità che a volte nemmeno ci rendiamo conto di avere.Gli i...

LY-Electric blanket Impianto Idraulico Elettrico Doppio Controllo Sicurezza Circolazione Acqua Intelligente Controllo della Temperatura Lavabile A Freddo Viola 160 * 80 Cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 82,11€


Il controllo dei fumi: scadenze e modalità

Controllo fumi caldaia Per il controllo dei fumi, invece, ci sono scadenze ben precise che riguardano tutte le caldaie; il documento di riferimento è il decreto del Presidente della Repubblica n. 74/2013. Il controllo va fatto:



  • Ogni due anni se la caldaia ha una potenza tra 10 e 100 kW ed è alimentata a combustibile liquido o solido.
  • Ogni quattro anni se la potenza è compresa fra tra 10 e 100 kW e l’alimentazione è a gas, metano o GPL.
  • Ogni anno se la caldaia è alimentata a combustibile liquido o solido e ha una potenza superiore a 100 kW.
  • Ogni due anni se l’impianto è a gas, metano o GPL e supera i 100 kW.



L’intervento è obbligatorio anche quando si avvia per la prima volta una caldaia, quando si sostituiscono apparecchi del sottosistema di generazione e quando viene modificata l’efficienza energetica. Il controllo dei fumi è un test che permette di monitorare la regolazione del bruciatore, ovvero stabilire la temperatura dei fumi di combustione, i valori di tiraggio e i parametri di sicurezza. Alla fine il tecnico deve rilasciare il Bollino Blu.


A cosa serve il libretto d’impianto

  • Il libretto d'impianto ha sostituito il libretto caldaia
  • Il libretto d'impianto è composto da 14 schede
  • La compilazione del libretto spetta ai tecnici abilitati
C’era una volta il libretto della caldaia. Dal gennaio 2016 c’è invece il libretto d’impianto, che quindi l’ha sostituito. È il documento unificato che identifica e accompagna tutti gli impianti per la climatizzazione invernale ed estiva installati in un’abitazione o un intero edificio. Caldaie comprese, naturalmente.



È composto da 14 schede la cui compilazione spetta ai tecnici e sulle quali bisogna quindi riportare con estrema precisione (indicando pure il giorno) gli esiti dettagliati della manutenzione ordinaria, del controllo fumi e qualsiasi altro intervento.



Il libretto viene “inaugurato” con il collaudo e poi diventa sempre più nutrito. Può essere paragonato a una carta d’identità, insomma. E questo vuol dire che necessario è annotare anche l’eventuale sostituzione di singoli elementi o altre modifiche. La procedura, così come il documento, sono obbligatori.


Controllo della caldaia: la guida completa: I prezzi della manutenzione e della revisione

I prezzi della manutenzione e della revisione Ma quanto costa la manutenzione ordinaria della caldaia? Dipende dal singolo tecnico (o dalla singola ditta) ma anche dalla città in cui si vive. In media, comunque, è compresa fra i 60 euro e gli 80 euro.



Invece la revisione, cioè il controllo dei fumi, essendo più complessa ha un prezzo superiore: si mettano in conto fra i 100 e i 120 euro e si aggiunga anche il costo del Bollino Blu, che in genere è pari a una decina di euro.



Non ci si può sottrarre e provare a fare i furbi può essere molto rischioso, in quanto le sanzioni per gli inadempienti partono da 500 euro e possono raggiungere quota 3.000 euro. Anche chi non è in possesso del libretto d’impianto, se scoperto, deve pagare una multa salata, fra i 500 e i 600 euro. I controlli vengono effettuati a campione, sappiatelo. E non dimenticate l’importanza della sicurezza.