Termocamini a legna o a pellet per riscaldare la casa

Come è fatto un termocamino

Alimentato con legna o pellet o entrambi, il termocamino è un sistema di riscaldamento che può essere sia indipendente sia collegabile a un impianto già esistente.

Si presentano come una struttura monoblocco in acciaio o ghisa coibentato con lana di vetro a camera chiusa, con uno sportello in vetro termico che resiste fino a 800°C, permette di ammirare la fiamma, la isola con il massimo della sicurezza, ne aumenta il rendimento energetico.

I termocamini hanno poi diversi tipi di rivestimento dai tanti stili, perfetti per ogni tipo di casa.

Due le tipologie in base al funzionamento, ad acqua o ad aria, ma ci sono modelli che le combinano.

Il termocamino ad aria non si allaccia al sistema di riscaldamento in uso e di solito non sostituisce la normale caldaia. Tra il rivestimento interno ed esterno c’è un’intercapedine in cui viaggia l’aria riscaldata dal calore prodotto dalla combustione e che aumenta la temperatura nell’ambiente, non disperdendosi attraverso la canna fumaria. Grazie a un sistema di canalizzazioni il caldo viene veicolato in tutta la casa.

Nel termocamino ad acqua il calore prodotto riscalda l’acqua dell’impianto di riscaldamento cui è collegato, entrando nei termosifoni o nei pannelli radianti al pavimento, dando un confortevole tepore in tempi brevi così come acqua bella calda. Può sostituire del tutto la caldaia.

Plasma 75 dx/sx di MCZ è un termocamino angolare, funziona a legna e, grazie al sistema “Easy Going”, permette di regolare la fiamma automaticamente attraverso un cursore montato sulla cornice inferiore del camino.

Come è fatto un termocamino

EXTRAFLAME - Inserto a pellet COMFORT P70 H49 1277200

Prezzo: in offerta su Amazon a: 2144€


Quanto pellet consuma un termocamino

Quanto pellet consuma un termocamino Tra i vantaggi del termocamino, la riduzione del consumo di combustibile, poiché la presenza dell’anta in vetroceramica che custodisce la fiamma, garantisce una resa termica superiore all’80% contro il 25% dei camini a legna tradizionali.

Il pellet con cui marciano alcuni termocamini è un materiale ecologico ricavato dagli scarti della lavorazione del legno, ha basse emissione di sostanze inquinanti, produce maggior calore rispetto alla legna, con un consumo fino a 1/3 in meno.

Ma quanto pellet consuma un termocamino?

In media si calcola per ogni kW di potenza della caldaia un consumo orario di circa 0,25 kg: per una di 20kW il consumo è di 5 kg ogni ora.

Naturalmente il dispendio complessivo dipende dal numero di ore di accensione e da quanti ambienti sono coinvolti.

Idropell Box 30 di EdilKamin è un termocamino a pellet che riscalda e dà acqua calda.


  • termocamino Spesso si pensa al camino come caldo focolare, ma il cui calore resti circoscritto alle aree della casa tangenti a esso. Molti non conoscono l’efficienza di un termocamino, che in alternativa o di sup...
  • liverpool piazzetta Il rivestimento del caminetto è una questione di gusto personale e stile che desideriamo attribuire all’ambiente circostante, ma la prima scelta e la più importante da fare è quella della decisione de...
  • mcz termocamino Con l’arrivo della stagione fredda, è bene pensare anche al riscaldamento nel modo più naturale possibile.Tante le possibilità tra cui l’installazione di un caminetto: preferire il calore della fiam...
  • Termocamino I termocamini sono un’ottima soluzione per chi desidera risparmiare sulla bolletta del gas; non si tratta semplicemente di caminetti classici, a fiamma aperta, ma di camini a camera di combustione chi...

Termoaccumulatore Puffer Tesy 1000 litri senza serpentino - Accumulo acqua Riscaldamento - Isolamento Soft - mod. V 1000 105 F44 TP4

Prezzo: in offerta su Amazon a: 700€


Come pulire la canna fumaria del termocamino

Come pulire la canna fumaria del termocamino Semplice da gestire, il termocamino lo è anche nella manutenzione, importante sempre per mantenerne il corretto funzionamento. Per la pulizia ordinaria basta eliminare dal cassetto e dal braciere che fanno parte della sua struttura la cenere generata. Si può definire straordinaria la pulizia della canna fumaria, almeno 2 volte all’anno.

Il grosso problema è soprattutto la formazione di catrami. Per agevolare l’intervento di uno spazzacamino (sconsigliato il fai-da-te) che salendo sul tetto deve smontare il comignolo usando appositi strumenti per rimuovere la sporcizia, si possono versare nel termocamino prodotti specifici che, bruciati, sprigionano fumi densi e, reagendo con i catrami, contribuiscono ad eliminarli più facilmente.

Il termocamino Vulcano Serie 30 S3, è realizzato in acciaio e funziona a legna, da solo o in abbinamento ad altre caldaie. Dotato di 3 scambiatori, la sua acqua calda è disponibile fino a 15 ore dopo lo spegnimento del fuoco.


Termocamini a legna o a pellet per riscaldare la casa: Quanto costa un termocamino?

Quanto costa un termocamino A seconda del modello, i prezzi partono da poco più di mille euro per sfiorare anche gli 8mila: dipende dalla capienza, dalle performance, anche dal tipo di rivestimento con cui si decide di abbellirlo. Un modello dalla buona qualità si aggira sui 2500 euro.

Tra le tipologie, sono quelli che funzionano ad aria ad essere più economici.

I termocamini JollyStar marciano a pellet e sono progettati per il riscaldamento ad aria umidificata, indicati per abitazioni di medie e grandi abitazioni. Con la centralina elettronica multilingua touch si controllano tutte le funzioni direttamente da radiocomando.