Riscaldamento pavimento pro e contro

Una scelta economica ed ecologica

Nella ristrutturazione di una casa oppure nella costruzione del nuovo sempre più spesso si attua la soluzione di riscaldamento a pavimento come unica fonte di calore della casa.

Dai primi modelli e tipologie di questo tipo oggi siamo a risultati di qualità elevata che permettono di avere i pannelli radianti a pavimento come unica fonte di calore sufficiente a riscaldare tutta l’abitazione: ovviamente per poterlo fare deve essere fatto un calcolo delle calorie necessarie e dello spazio in metri cubi e rapportati tra loro per dimensionare correttamente l’impianto.

Ma come funziona un sistema di riscaldamento a pannelli radianti?

Riscaldamento pavimento pro e contro: scopriamoli insieme.

In foto: Pannello radiante a pavimento sotto rivestimento in parquet Fonterra di Viega

riscaldamento a pavimento viega

DIDIDD la tappetino del pavimento della moquette di assorbimento dell'acqua del bagno del portello della stanza da bagno del portello e dei bagni, il pavimento del pavimento del pavimento dell'insert

Prezzo: in offerta su Amazon a: 54,6€


Funzionamento del riscaldamento a pavimento, pro e contro

pannello radiante Il sistema di riscaldamento a pavimento è caratterizzato da una serpentina di tubi sottostanti al massetto in calcestruzzo al cui interno circola un fluido termovettore, in genere acqua.

I tubi sono posati su un materiale isolante che convoglia il calore solo al di sopra per disperderlo nell’ambiente d’interesse.

Questa serpentina va posizionata nella maniera corretta in base a determinati calcoli, per poter distribuire il calore attraverso il massetto e la pavimentazione, all’ambiente soprastante.

La temperatura dell’acqua in principio era molto più alta, ma oggi si è arrivati alla conclusione che è preferibile avere una distribuzione migliore delle tubazioni con una temperatura minore dell’acqua: questa si aggira tra i 29 e i 35 gradi centigradi, in base alle esigenze.

Inoltre, è fondamentale anche scegliere il materiale di rivestimento a pavimento adatto, che non crei troppa barriera al calore in uscita: non tutti i pavimenti infatti sono adatti a questo scopo.

Ma vediamo adesso riscaldamento a pavimento pro e contro dalla posa fino all’utilizzo.

In foto: Sistema di riscaldamento radiante a pavimento, Rehau


  • Fonterra di Viega La scelta di un impianto di climatizzazione dipende soprattutto dalle prestazioni che può garantire e dalla possibilità di ridurre i consumi energetici.Il sistema radiante a pavimento può essere un'...

DIDIDD le camere da letto Foam Rollmat pavimento piastrellato a piastrelle per la cucitura di stuoie di spessore bambini Tatami Puzzle Baby Moquette,60 * 60 * 1Cm, Espresso Brown

Prezzo: in offerta su Amazon a: 59,9€


Riscaldamento pavimento pro e contro: dalla posa all’utilizzo

Riscaldamento a terra, Geberit Il riscaldamento a pavimento è una soluzione molto innovativa dal punto di vista della scelta dei materiali e delle tecnologie utilizzate, ma il concetto è vecchio di secoli.

La bassa temperatura di esercizio ovvero temperatura dell’acqua che circola all’interno delle tubazioni permette di evitare dilatazioni termiche eccessive che possono comportare problemi circolatori a chi vive lo spazio.

Le serpentine sono realizzate con materiali sempre più leggere e affidabili e mediante una gestione elettronica si ottimizza il rendimento termico della casa.

I costi a medio e lungo termine sono quindi ridotti e inferiori a un riscaldamento classico, costi inferiori quindi anche in bolletta.

Nel riscaldamento pavimento pro e contro, alcuni nei però sono dati dal costo d’installazione, che sicuramente è superiore a un classico riscaldamento; non è possibile utilizzare tutti i rivestimenti a pavimento poiché alcuni sono sconsigliati, e nel caso di guasto alle serpentine è necessario demolire e rimuovere la parte di pavimento interessata.

In foto: Riscaldamento a terra, Geberit