Differenza fra ceramica e gres porcellanato

Il gres porcellanato

Che cos’è il gres porcellanato? È un materiale composto di argille ceramiche che sono poi macinate fino a ottenere una dimensione tale per cui la pressatura possa essere eseguita. Oltre al materiale molto compatto e fine, le tipiche caratteristiche di resistenza, impermeabilità e longevità sono date dalla cottura, che avviene n maniera specifica per la ceramizzazione dell’impasto.

In fase produttiva, la possibilità è di variare il colore beige chiaro dell’impasto a piacere, creando piastrelle colorate in massa, cioè per tutto lo spessore senza smalti superficiali né verniciature.

Le piastrelle in gres porcellanato poi, possono anche essere smaltate superficialmente.

Il risultato è un materiale molto duro e resistente, atto a luoghi di grande traffico, ma anche comunemente usato nelle abitazioni private. La differenza fra ceramica e gres porcellanato sta fondamentalmente nel processo di cottura e pressatura, che li rendono differenti in caratteristiche di resistenza.

In foto: Ragno, Woodstyle in Gres fine porcellanato. Un prodotto ecosostenibile e realizzato con un contenuto di materiale riciclato del 25%.

gres

Piastrelle Adesive decorazione mosaico | Adesivi Stickers murali in pvc - auto-adesivo per muro cucina e parete bagno | rivestimento rimovibile | 10x10 cm - Design Decorazioni greche - Set 9 pezzi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,95€


La ceramica

ceramica La ceramica è un materiale molto antico, costituito da pasta tenera e assorbente, più facilmente scalfibile rispetto al gres porcellanato.

I quattro tipi di ceramiche principali sono la terracotta o coccio, le terraglie, il gres e la porcellana, che può essere più tenera o dura.

La ceramica generalmente utilizzata per le piastrelle è la monocottura, nella quale con un’unica cottura si unisce la base con il decoro superficiale, generalmente realizzato a vernici o vetrina.

La ceramica quindi sarà più delicata e facile a rotture, del gres porcellanato. La differenza fra ceramica e gres porcellanato, è molto evidente, anche al momento della rottura di una piastrella: infatti, la ceramica è costituita da un cuore rosso e uno strato superficiale di rivestimento verniciato di decimi di millimetri, mentre il gres porcellanato è un impasto a tutto colore, anche nelle soluzioni con verniciatura superficiale.


  • dascenzi I pavimenti i marmittoni sono rivestimenti in graniglia di marmo di misura più grande delle classiche marmette di 20x20 cm che si utilizzavano in passato, nate alla fine dell’Ottocento dopo la rivoluz...

Ardisle – Specchio retro autoadesivo piastrelle bagno, quadrata, adesivi da parete mosaico 16 pezzi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,69€


Differenza fra ceramica e gres porcellanato: Ceramica e gres porcellanato a confronto

gres Le differenze fra ceramica e gres porcellanato sono davvero molte: fino a poco tempo fa, erano le ceramiche a essere impiegate per i rivestimenti delle case, pavimenti e muri. Ora, per i pavimenti in particolare, s’impiega il gres porcellanato, per le sue caratteristiche di maggior resistenza agli urti e alle botte, con un risultato migliore in termini di durata e usura.

Inoltre, il gres porcellanato dà la possibilità di rettifica, con realizzazione di piastrelle che siano adatte alla posa senza fughe, per realizzazione di superfici continue: questo la ceramica non lo permetteva.

Le piastrelle in gres porcellanato sono più compatte e pressate, hanno quindi un peso maggiore rispetto a quelle in ceramica: questa caratteristica permette loro di avere caratteristiche di ingelività, resistenza e impermeabilità all’acqua, evitando quindi in maniera maggiore le rotture se poste all’esterno, con i cicli di gelo disgelo.